Militia Christi imbratta l\’Esquilino con striscione contro l\’Europride

0
24

Il movimento politico cattolico Militia Christi nella notte ha affisso, su uno dei cancelli di ingresso del parco di Piazza Vittorio, uno striscione con su scritto: «Welcome to pride pork!». Lo ha comunicato in una nota il movimento stesso che ha motivato il gesto con la discutibile volontà di mostrare «la vera natura della manifestazione omosessuale». «Il Movimento Politico Cattolico Militia Christi – si legge nella nota intrisa di cristiano ecumenismo – ha voluto salutare a suo modo il vergognoso Europride che inizierà oggi a Roma, nei giardini di Piazza Vittorio, dove sono stati montati numerosi gazebo per il cosiddetto Pride Park».

Amaro il commento del portavoce del Gay Center, Fabrizio Marrazzo: «Chi non ha altri strumenti se non l'offesa e l'oltraggio per esprimere le proprie posizioni eviti di commettere quelli che sono veri e propri reati contro le persone. Minare una manifestazione pacifica e di tutta la città, che si esprime nella sua pluralità e nell'uguaglianza delle differenze, come deve essere l'Europride, che ha anche risonanza europea, è da insipienti politici. Non vorremmo assistere a colpi di coda fondamentalisti ed estremisti tra chi affigge manifesti e chi vuole sporcare i monumenti storici e il Colosseo in cerca di chissà quale visibilità a danno di tutti».

«L'intolleranza nei riguardi del popolo omosessuale – ha affermato in una nota il senatore dell'Italia dei Valori, Stefano Pedica – non fa che aumentare con l'avvicinarsi della scadenza all'appuntamento dell'Europride, doveroso che il Ministro degli interni intervenga, al fine di isolare eventuali gruppi intenzionati a promuovere disordini sociali. A tal proposito già la settimana scorsa ho presentato un 'interrogazione parlamentare».

Duro anche il capogruppo di Sinistra Ecologia Libertà nel consiglio regionale del Lazio, Luigi Nieri: «Ancora una volta, a Roma, militanti dell'estrema destra compiono un gesto vergognoso che offende la comunità Glbtqi, proprio nel giorno in cui prende il via l'Europride. Si tratta di un'iniziativa penosa e squallida che non inciderà in alcun modo sulla buona riuscita di una manifestazione così importante per Roma».