Ama, una stagione nera

0
146

Poche settimane al rinnovo del Cda e per Ama è tempo di giudizi e battaglie mediatiche. E' partito così il balletto delle dichiarazioni del Campidoglio, con il sindaco Alemanno impegnato a elogiare l'operato dell'ad Panzironi, suo intoccabile uomo di fiducia e a parlare di traguardi e successi raggiunti dalla municipalizzata dell'ambiente. Difficile credergli però, a fronte di un'azienda in evidente crisi, sia in termini finanziari che politico-gestionali.

L'analisi è presto fatta: dal 2008 al 2010 il debito di Ama è cresciuto di 76 milioni di euro, attestandosi a 630 milioni, e questo nonostante un “contributo” di 30 milioni elargiti a fondo perduto dal Campidoglio e i 92 milioni incassati dalla cessione del Centro Carni. Un buco che peserà sulle tasche dei cittadini con un aumento del 22% sulla Ta.ri., diluito ad arte fino al 2013, e con 115 milioni di debito spalmato sul prossimo decennio. Una stagione nera per Ama e per le finanze della città, alimentata dai costi dello scandalo Parentopoli e dalla gestione dissennata di Panzironi, sostenuto ormai solo dal sindaco. Ma a illustrare meglio la realtà sono i fatti, soprattutto confrontandoli con il programma elettorale del sindaco.

«Scongiurare il rischio di un emergenza rifiuti analoga a quella di Napoli, passare immediatamente alla raccolta differenziata porta a porta in tutta la città», diceva il candidato Alemanno. Oggi basta interrogare i cittadini di Cinecittà, o Marconi: qui 48 mila abitanti sono costretti a rincorrere i furgoni Ama che, durante la settimana, stazionano solo in punti definiti del quartiere e attivi solo al mattino fino alle 10.30, con inevitabili ripercussioni sulla collaborazione dei cittadini e sul ciclo dei rifiuti. Così, mentre Malagrotta è al collasso, i rifiuti si ammassano in strada – emblematica la situazione esplosa ad aprile a Roma sud – e, tra i mille annunci di nuovi siti di raccolta, la situazione è ormai al collasso.

«Prima di parlare di risultati positivi per Ama, Alemanno farebbe bene a contare fino a dieci e rendersi conto della situazione che si vive a Roma», punta il dito il consigliere comunale del Pd Paolo Masini, «o forse è proprio conoscendola che inscena questa campagna mediatica dannosa e irresponsabile. Non possiamo tollerare che sindaco e giunta coprano ancora i danni della gestione Panzironi: è necessario discuterne in un consiglio straordinario e chiudere definitivamente, per il bene della città, questa pessima pagina di mala amministrazione». 

 Valerio Perogio

È SUCCESSO OGGI...

Anguillara, esplosione in una villa: feriti e paura

Intorno alle 8.30, probabilmente per una fuga di gas, si e' verificata un'esplosione all'interno di una villetta ad Anguillara Sabazia, in via grotte di Castellana.   La deflagrazione e' avvenuta all'interno dell'appartamento al piano terra, dove...

Lazio Ambiente, mancano dalle casse 12,5 milioni dei Comuni

Lazio Ambiente deve rimanere pubblica, si sono sgolati a dire sindacati e Comuni anche dopo il semi accordo con la Regione che di fatto ne rallenta la valorizzazione come aveva invece deciso  inizialmente il governatore...
Terremoto, nuove scosse nel centro Italia

Forte scossa di terremoto tra Lazio e Abruzzo: torna la paura

Una forte scossa di terremoto ha fatto tornare la paura tra Abruzzo e Lazio. Il sisma e' stato rilevato tredici minuti dopo le 4 del mattino. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e...

Forte scossa di terremoto, giocatori del Frosinone fuori dall’hotel

La scossa di magnitudo 4.2 registrata tra Lazio e Abruzzo alle 4:13 della notte e' stata chiaramente avvertita dai giocatori e dallo staff tecnico del Frosinone Calcio. La squadra laziale e' infatti da giorni...

Storace insiste: «Zingaretti vuole anticipare le elezioni regionali»

E’ da qualche giorno che il vicepresidente della Pisana Francesco Storace batte sullo stesso tasto: Zingaretti vuole anticipare le elezioni regionali nel Lazio a novembre in concomitanza con le elezioni regionali in Sicilia. La...