Polemiche e contestazioni per il 25 aprile

0
37

Non far prevalere la logica del cieco scontro politico era stato l’appello lanciato dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, nel corso della cerimonia per il 66° anniversario della Liberazione dall'occupazione nazifascista, ma tensioni e polemiche hanno ugualmente caratterizzato le celebrazioni di ieri del 25 Aprile.

Il presidente della Repubblica, dopo aver reso omaggio al Milite Ignoto e a Mario Pucci, un giovane di 20 anni ucciso dai fascisti a Firenze il 13 giugno 1938, aveva messo in guardia dai pericoli di un dibattito politico che, in vista delle elezioni, sembra imprigionato in una logica di “cieco e acceso scontro”. Con Napolitano erano presenti il presidente del Senato, Renato Schifani, il ministro dell'Interno, Roberto Maroni e quello della Difesa, Ignazio La Russa, che, tuttavia, malgrado l’appello del presidente della Repubblica, è stato abbondantemente fischiato da un gruppo di persone all'inizio del suo intervento.

Non è andata meglio all'assessore ai beni culturali del Comune di Roma, Dino Gasperini, duramente contestato a Porta San Paolo, e aiutato poi dall’intervento dall’anziano comandante partigiano, Massimo Rendina: " Dino è un amico, ha fatto passare l'idea di un museo della Resistenza all'aperto e noi gli siamo grati".

Manifesti neofascisti erano apparsi inoltre alla vigilia per augurare provocatoriamente “25 Aprile…Buona Pasquetta !!!”, festa ritenuta evidentemente più degna rispetto a quella della Liberazione, ma le celebrazioni sono state macchiate anche da un altro brutto episodio: ieri mattina nel quartiere romano del Pigneto è apparsa la scritta “Work Will Make You Free”, identica a quella posta all’ingresso del lager di Auschwitz ma in lingua inglese.

L’insegna di pessimo gusto, frutto di lungo e accurato lavoro e rimossa nella tarda mattinata, ha provocato sdegno unanime:  "A Roma continuano purtroppo ad aumentare episodi di intolleranza e violenza, che vanno condannati con la massima fermezza" ha esortato il commissario del Pd Lazio, Vannino Chiti, mentre Angelo Bonelli, leader dei Verdi, ha evidenziato come in città "siano in crescita i gruppi neofascisti, che ha portato ad aumentare il clima di odio e di intolleranza". "È gravissimo che ci siano persone che si sono messe a fare una scritta antisemita in ferro battuto e ad inchiodarla contro un muro – ha commentato il sindaco di Roma, Gianni Alemanno – è un fatto estremamente grave e mi auguro che gli inquirenti trovino subito i responsabili". Dello stesso avviso la governatrice della Regione Lazio, Renata Polverini, che ha duramente criticato l'episodio, considerato "un'offesa a quanti hanno vissuto l'orrore di Auschwitz, a chi in quel campo di sterminio ha perso la vita, a coloro i quali sono sopravvissuti portando con sé il ricordo doloroso di quella barbarie".

È SUCCESSO OGGI...

Branco aggredisce e rapina passanti: la polizia arresta 2 persone e ne denuncia 5

E’ accaduto ad Acilia. La centrale operativa della Questura ha inviato gli agenti della Polizia di Stato del commissariato di Ostia in via Angelo Zottoli, per la segnalazione di un gruppetto di giovani intenti...

Violento scontro a Roma su via Cristoforo Colombo: traffico in tilt

Bruttisimo incidente stradale su via Cristoforo Colombo in direzione Ostia. Due le moto coinvolte. Il sinistro, secondo le prime ricostruzioni, si è verificato sulla carreggiata centrale all'altezza di via di Acilia, che è momentaneamente chiusa in...

Ostia, tour “stupefacenti”: agenzia di viaggi utilizzata come serra

In seguito ad una breve indagine, gli investigatori della Polizia di Stato del commissariato di Ostia hanno scoperto che un romano di 48 anni, era solito spacciare nella sua abitazione e così,  si sono...

Roma, controlli nelle agenzie di scommesse e sale videolottery: 4 esercizi chiusi

Si sono protratti per tutto il giorno i controlli degli agenti della Polizia di Stato, impegnati nelle verifiche presso le agenzie di scommesse e le sale videolottery della zona di San Paolo. I poliziotti del...