Troppi guasti all’Atac: per il Pd è emergenza

0
25

Il gruppo consiliare del Pd capitolino ha più volte denunciato l’alto numero di guasti dei mezzi di Atac, che comportano gravi disservizi, fanno saltare numerose corse e scoraggiano l’uso pubblico dei mezzi di trasporto incentivando l’uso di mezzi privati che contribuiscono al caos quotidiano del traffico.

Le ragioni di questi guasti così frequenti andrebbero ricercati nella inefficienza delle manutenzioni che, negli ultimi anni, sono state in gran parte esternalizzate e affidate ai privati e all’uso spesso di pezzi di ricambio non originali e difettosi, come denunciato dagli stessi autisti. Inoltre 2 milioni di Km in meno di corse fettuate nel 2010, darebbe  la misura della gravità della situazione e dei danni causati al servizio pubblico che, in base al contratto di servizio, dovrebbe prevedere un aumento di un milione di Km ogni anno. Di fronte a questa situazione per il gruppo del Pd è urgente la discussione e l’approvazione del nuovo piano industriale che dovrebbe prevedere il ritorno alle manutenzioni dirette da parte di Atac. Sta di fatto che a oggi il piano industriale approvato dal CdA di Atac non è ancora arrivato alle commissioni capitoline competenti. Un ritardo che il Pd giudica irresponsabile, a fronte di una situazione generale di Atac ad alto rischio, anche per i danni causati dalla vicenda di parentopoli, che pesa come un macigno sul bilancio di Atac.

Ma sull'ecatombe di guasti per i mezzi Atac erano già apparse numerose notizie sulla stampa, così ieri pomeriggio l'azienda si è affrettata a precisare che nel secondo semestre 2010 il numero di “corse perse per guasti” rispetto a quelle programmate è stato pari all’1,38%, rispetto all’1,48% del corrispondente semestre dell’anno precedente, quando le esternalizzazioni delle attività manutentive erano già avviate da oltre tre mesi. Nel periodo preso in esame, pertanto, si è registrata una sostanziale stabilità del dato, con punte dell’1,9% nel giugno/ luglio 2010, dovuta alla stagionalità e alla maggiore “sofferenza “ del parco mezzi durante la stagione calda. Nel periodo ottobre 2010/marzo 2011, inoltre, la direzione dell'Atac fa sapere che si è riscontrato un miglioramento dell’indice delle “corse perse per guasti in linea” rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Nel mese di marzo 2011, infine, il numero di “corse perse per guasti” è stato pari a 14.388 (rispetto alle 941.482 corse svolte nell'anno) del tutto comparabile con il valore di 14.082 registrato a marzo 2010. Per quanto attiene al tasso di disponibilità del parco vetture (vetture utilizzabili per il servizio/vetture in parco) nel marzo 2011 il valore si attesta all’81,69% contro l’81,18% registrato a marzo 2010. 

A voler essere maligni si potrebbe insinuare di una certa continuità nell'inefficienza, ma più interessante sarebbe confrontare la percentuale dei guasti con altre aziende di trasporto pubblico locale. Ad esempio con l'Atm di Milano.

gl