La protesta per il San Raffaele e i nostri cattivi pensieri

0
21

E’ ormai un luogo comune, a pensar male si fa peccato ma spesso si indovina. E allora proviamo a giocare e tiriamo a indovinare. Giovedì scorso, sotto il palazzo della Regione era stata organizzata dal Pd una manifestazione che aveva questo titolo e questa parola d’ordine “Contro l’ostilità della polverini per il diritto di cura ai disabili – Doveri e Garanzie per i centri di riabilitazione”. La manifestazione si è tramutata in una passerella per la Tosinvest ed i propri dipendenti. Sia chiaro, tutte le strutture che si occupano di riabilitazione hanno la stessa dignità e svolgono la stessa fondamentale opera, comprese chiaramente le strutture San Raffaele. Comunque i dipendenti della azienda della famiglia Angeluccci sono arrivati organizzati con 5 pullman ed oltre 300 persone che potevano brandire una lettera di licenziamento. Niente di nuovo, sono metodi sempre usati. Si minacciano chiusure e licenziamenti e sotto questa pressione interviene la Regione o l’ente locale di riferimento. E qui entra il cattivo pensiero. Vuoi vedere che Angelucci è anche fido parlamentare PDL e le reti di Berlusconi gli hanno dato una mano ad alzare il polverone facilitando l’intervento della Polverini chiamata a furor di popolo a risolvere il problema. Ieri sera dopo la manifestazione che ha bloccato le vie intorno al palazzo della Regione, è stata addirittura schierata la corazzata di “Striscia la notizia”. In studio i conduttori hanno continuato a definire il san Raffaele come Ospedale e in strada è sceso Jimmy Ghione per dare solidarietà a tutti, malati e dipendenti. Sempre per esser chiari. La solidarietà e giusta ma speriamo che la soluzione che da giovedì si cerca possa risolvere i problemi di tutte le strutture di eccellenza e non solo di alcune. In prima fila c’è il Santa Lucia e poi verranno tutte le altre specializzazioni. Magari alla fine la Polverini potrebbe essere ricordata come la Presidente che ha abolito gli sprechi e mantenuto i servizi. Magari!

rigoletto