A Roma e nel Lazio cresce la disoccupazione

0
51

Nel Lazio le forze lavoro sono pari a 2,488 milioni (+1,6%) e rispetto al 2009 si rileva un incremento dello 0,7% del numero di occupati (2,257 milioni) ma anche un significativo aumento del numero dei disoccupati, pari a +11,3% (232mila). È quanto emerge dagli studi riportati nella newsletter di Confindustria Lazio. Il tasso di attività regionale si attesta al 65,3% (+0,3 punti percentuali rispetto al2009), quello di occupazione passa da 59,4% a59,2%, mentre salgono quello di disoccupazione(9,3%) e quello di disoccupazione giovanile (31,1%), rispettivamente di 0,8 e 0,5 punti percentuali.

A Roma e provincia è localizzato il 75% dei lavoratoridella regione e, nel 2010, si osservano aumentidell’1,6% per la forza lavoro (1,874 milioni) e dello0,5% per gli occupati (1,703mila). In linea con iltrend regionale è anche l’incremento del 13,9% del numero dei disoccupati (170mila). Dunque, il problema dell’occupazione giovanile nella regione, in particolare quelli in cerca di una prima occupazione, si fa sempre più pesante. Inoltre, i recenti studi delle associazioni di categoria, dei sindacati e degli enti camerali hanno messo inevidenza l’aumento della cassa integrazione nel 2010 su tutto il territorio regionale. In definitiva, appare una certezza che si consolida di giorno in giorno, cheil sistema economico laziale fatica a uscire dalla crisi e che sono i lavoratori a pagare il prezzo più alto.

I dati per il momento non mostrano cenni di ripresa ecome afferma il segretario del Pd capitolino Marco Miccoli la Confindustria Lazio certifica che ladisoccupazione a Roma è aumentata del 13,9% dal 2009. A suo avviso questi dati dimostrano il generale stallo delle politiche del Campidoglio hanno portato a un aumento dei senza lavoro. E aggiunge che dopo le vane promesse di Alemanno per centinaia di migliaia di nuovi posti di lavoro, il Pd con le associazioni, le forze imprenditoriali e i sindacati studierà «nuove forme di iniziative e di strategie per tentare di risolvere questo drammatico problema dei senza lavoro a Roma».