Giù le mani dal S. Lucia

0
40

Non si fermano le proteste di medici, pazienti, familiari e infermieri della Fondazione Santa Lucia. Nonostante le smentite sulla chiusura e le rassicurazioni dei giorni scorsi fatte dal Presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, ieri mattina circa 400 persone sono tornate in piazza contro il piano di rientro sanitario. “Ci sentiamo traditi dall’atteggiamento della Polverini e dalle sue parole che di fatto sono rimaste tali”, hanno accusato medici, genitori e pazienti in carrozzina che in corteo hanno raggiunto il palazzo regionale sulla Colombo partendo dalla sede della Fondazione sull’Ardeatina. Insieme hanno chiesto un incontro con il Governatore sul futuro dell’Istituto, struttura d’eccellenza nazionale nel campo della riabilitazione e delle neuroscienze, nella quale si curano, gratuitamente, bambini affetti da gravi disturbi neurologici o motori, pazienti con il Parkinson, con gravi traumi cranici o usciti dal coma.

A scandire la protesta, tamburi, fischietti e striscioni: "Polverini hai tradito anche chi ti ha votato", e ancora "Buffona" o "Occupatrice abusiva di case e di poltrone". Molti di loro indossavano la t-shirt con la scritta “Salviamo il Santa Lucia”, la stessa maglietta che, circa un anno fa, la candidata del centro destra alla presidenza del Lazio sfoggiava durante una visita elettorale alla Fondazione. Tra i manifestanti anche il Presidente del Municipio XI, Andrea Catarci che ha lanciato un appello a tutte le istituzioni del territorio: “Presidiamo in maniera fissa la Regione finché la Polverini non si siederà di nuovo al tavolo rimettendo mano al piano di rientro che oggi è un massacro sociale". Anche l’opposizione alla Pisana presente in piazza con i consiglieri Luigi Nieri (Sel), Giulia Rodano (Idv) ed Enzo Foschi (PD), rincara la dose lamentando la “mancanza di confronto” sul piano di rientro sanitario, mentre il consigliere provinciale Gianluca Peciola (Sel) invita la Polverini a “ritirare immediatamente il piano e ad aprire un tavolo interistituzionale per ridefinire le linee di sviluppo del sistema sanitario regionale".

A poche ore dalla manifestazione, che ha mandato in tilt il traffico della Colombo, il presidente della Regione Polverini ha incontrato il direttore sanitario della Fondazione Santa Lucia, Nino Salvia, con il quale era fissato già da tempo un appuntamento. Polverini ha comunicato che lunedì 4 aprile si svolgerà in Regione un incontro tra l'amministrazione del Santa Lucia e gli uffici regionali per avviare un confronto al fine di individuare un condiviso percorso risolutivo".