Cgil: senza lavoro una donna su due

0
38

In occasione della festa dell’8 marzo la segretaria della Cgil del Lazio Tina Balì fa il punto della pessima situazione lavorativa della donna nella Capitale: «almeno una donne su due è senza posto fisso. Spesso il contributo femminile è limitato a settori particolari e occupazioni specifiche (come l'insegnamento, la ristorazione e i servizi) e sono ancora poche le donne che ricoprono posizioni di vertice, sia nel settore privato che nelle pubbliche amministrazioni».

Secondo la sindacalista «l'occupazione femminile subisce infatti la cosiddetta doppia segregazione, quella orizzontale che la restringe a una rosa limitata di professioni, bassi profili professionali, posizioni subordinate, retribuzioni basse, scarse opportunità di carriera; e quella verticale (il cosiddetto 'soffitto di cristallo') che ne ostacola l'accesso alle gerarchie aziendali. Questo veniva denunciato negli anni '70 dai movimenti delle donne, questo ci troviamo a dover ribadire a quarant'anni di distanza».

La situazione è identica anche a livello regionale: «Il tasso di disoccupazione generale nell'ultimo trimestre è pari all'8,9% (in Italia è del 7,6%) – spiega Tina Balì -. E, anche qui, il dato più preoccupante risulta proprio quello relativo alla disoccupazione femminile, che nel Lazio risulta pari all'11% con un aumento di 2 punti percentuali rispetto al secondo trimestre 2010 e di quasi 3 punti percentuali rispetto al 2007. I settori maggiormente interessati da perdita di occupazione sono i servizi e l'industria. Se al tasso di disoccupazione sommiamo i dati della cassa integrazione e dei cosiddetti inoccupati si sale drammaticamente a oltre il 13%».

Non a caso l’Italia registra due primati negativi: è in fondo alle classifiche europee relative al numero di figli per donna e al tasso di partecipazione delle donne al mercato del lavoro.

Queste problematiche saranno affrontate il 24 marzo al primo master universitario europeo interamente dedicato allo studio e alla ricerca di nuove soluzioni alle problematiche della conciliazione famiglia e lavoro «Lavoro, famiglia e leadership femminile», promosso dall'Istituto di Studi Superiori sulla Donna dell'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum.