Zingaretti: questo federalismo mette a rischio i servizi offerti dalle Province

0
28

Per il presidente della Provincia di Roma Nicola Zingaretti,  l'autonomia tributaria che il federalismo attribuisce alle provincie, sarebbe al momento assolutamente insufficiente. Lo ha spiegato il presidente della Provincia ascoltato giovedì in audizione dalla commissione Bicamerale per il federalismo fiscale.

In particolare riferendosi allo specifico ambito delle Provincie, Zingaretti ha posto l'accento sul fatto che "le misure previste dal decreto non garantiscono alle Province le risorse necessarie per finanziare le funzioni fondamentali: a rischio la messa in sicurezza delle scuole e delle strade, la formazione professionale, ma anche i servizi per il lavoro e la difesa dell'ambiente". Inoltre i rischi sarebbero accentuati "anche dalla mancata copertura, nel decreto, dei drastici tagli ai trasferimenti che per le Province nel 2012 arriveranno a 500 milioni di euro, il 40% in meno sul totale dei trasferimenti dovuti". 

Per Zingaretti la compartecipazione all'Irpef  "e' centrale, ma cosi' come e' stata delineata nel testo, non e' altro che un trasferimento erariale camuffato'. Noi chiediamo una reale autonomia, che puo' realizzarsi solo se il gettito viene territorializzato e se e' prevista la dinamicita' del tributo al crescere delle entrate erariali. Per ogni Provincia deve essere stabilita una percentuale chiara di compartecipazione".

Da ultimo, ha sottolineato il presidente della Provincia di Roma "resta aperto il nodo della fiscalizzazione dei trasferimenti in conto capitale dalle Regioni una misura indispensabile altrimenti le Province perderanno 1,5 miliardi di euro". (5web)