Per i Rom progetti a lunga scadenza, non emergenze

0
77

Il caso Rom nella Capitale continua a far discutere e riflettere. Appena una settimana fa la tragedia della morte dei 4 bambini nel campo di Via Appia metteva drammaticamente in evidenza la mancata risoluzione, nella maggior parte dei casi, dell’accoglienza alla popolazione nomade che a Roma conta appena 7mila persone.

In mattinata Alemanno ha annunciato che sarà il prefetto Pecoraro, in quanto commissario per l'emergenza, a partecipare mercoledì a un'importante riunione presso il ministero dell'Interno. Nel pomeriggio è stata poi annunciata la riunione che si terrà martedì mattina, 15 febbraio alle 12.30, tra le commissioni Sicurezza e Politiche sociali per rilanciare il Piano nomadi. All'incontro, cui è stato invitato il prefetto Pecoraro, parteciperanno anche il delegato del sindaco alla Sicurezza, Giorgio Ciardi, e l'assessore alle Politiche Sociali, Sveva Belviso.

E questa mattina, dopo l’accorato appello di Papa Ratzinger nel corso dell’Angelus domenicale che ha ricordato come l’episodio di Roma «impone di domandarci se una società più solidale e fraterna, più coerente nell'amore, cioè più cristiana, non avrebbe potuto evitare tale tragico fatto» dalle colonne del Corriere della Sera arriva l’intervento del sottosegretario ai Beni culturali Francesco Giro, che parla della necessità di maggiore organizzazione e pone l’accento sul fatto che “Un'amministrazione seria deve studiare il problema, non affrontarlo come un'emergenza di ordine pubblico. Invece abbiamo assistito a un modo di fare dilettantesco”. 

Dello stesso tono è stato l’intervento di Monsignor Enrico Feroci, direttore della Caritas diocesana di Roma, che per i Rom ha chiesto “un progetto serio a lunga scadenza. La tendopoli e' una risposta emergenziale, così come accade per i terremoti, ma mi auguro sia un fatto davvero provvisorio e un passaggio per andare oltre, altrimenti non e' un buon servizio a queste persone". E ha aggiunto: “Quello che manca, probabilmente, e' la capacità di vedere in maniera chiara e corretta il fenomeno. Se noi non abbiamo la capacità di entrare dentro le situazioni non riusciremo mai a rispondere in maniera positiva”.
 
E ieri la Comunità di Sant’Egidio, che era presente a San Pietro con Rom e Sinti, ha ricordato la necessità di dare case e istruzione a queste comunità: «Il Papa che è vescovo di Roma – ha detto il portavoce Marco Impagliazzo – richiama con forza questa città ad essere una patria comune per romani, Rom, immigrati. Garantire la scuola e la formazione ai bambini e ai giovani Rom e un alloggio dignitoso alle loro famiglie è un imperativo per tutti dinanzi ad una tale tragedia». (5web)

È SUCCESSO OGGI...

Prima la lite, poi la feroce aggressione a colpi di bastone: choc a Passoscuro

I Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia hanno arrestato un 61enne già noto alle Forze dell’Ordine dimorante a Fiumicino, nella frazione Passoscuro, in esecuzione di Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere per i reati di...
incendio monterotondo Ecotecnica

Incendio alla Tecnoservizi di Monterotondo: tutti gli aggiornamenti

Il timore di una nuova emergenza ambientale sta tenendo in apprensione la provincia di Roma, dopo il vasto rogo che si era sviluppato alla Eco X di Pomezia nei primi giorni di maggio. Un...
Controlli dei Carabinieri auto notte movida

Roma, carabinieri arrestano nomadi minorenni ladre d’appartamento

Ieri pomeriggio grazie ad una segnalazione giunta al NUE 112, i Carabinieri della Stazione Roma Quirinale hanno arrestato due nomadi, di 16 e 17 anni, entrambe domiciliate al campo nomadi di via di Salone,...
gemelli

Paura al Gemelli: minaccia di gettarsi dal decimo piano del policlinico

Paura questa mattina al policlinico di Roma Agostino Gemelli. Un uomo seduto sul cornicione del tetto del decimo piano ha minacciato di lanciarsi nel vuoto. Quando i poliziotti del commissariato Monte Mario sono saliti,...
mafia capitale

Per la difesa di Carminati Mafia Capitale è un “processetto gonfiato dai media” 

a cura di Giuliano Longo Sono due le date della possibile sentenza del processo Mafia Capitale. La sentenza potrebbe infatti arrivare il prossimo 18 luglio o il 10 settembre. La riserva verrà sciolta nel corso...