Il Tar annulla i provvedimenti del Commissario per i mondiali di nuoto 2009

0
88

 

Il Commissario straordinario delegato in occasione dei mondiali di nuoto del 2009, Claudio Rinaldi, non aveva «alcun potere di rilasciare il permesso di costruire per la realizzazione dei singoli interventi edilizi in luogo della competente amministrazione comunale». Ne consegue che i provvedimenti da lui adottati sono da ritenersi «nulli».

Così il Tar del Lazio pronunciandosi sul ricorso presentato dal Salaria Sport Village e dal circolo Canottieri Aniene, due delle strutture già coinvolte nell'inchiesta della Procura di Roma su presunti abusi edilizi realizzati per gli ampliamenti degli stessi circoli in vista delle competizioni sportive natatorie. In particolare, alla I sezione del Tar del Lazio, presieduta da Giorgio Giovannini, i ricorrenti chiedevano di annullare alcuni provvedimenti emessi dall'amministrazione comunale tra cui quello dell'11 gennaio 2010 con cui il Campidoglio rivendicava la competenza a rilasciare le autorizzazioni in questione.

La sentenza dei giudici amministrativi potrebbe incidere sul processo penale che prenderà il via il 5 aprile e che vede sul banco degli imputati per abuso edilizio, tra gli altri, Rinaldi, l'ex presidente del Consiglio superiore dei lavori pubblici, Angelo Balducci, l'imprenditore Giovanni Malagò e altre trenta persone. La nullità delle autorizzazioni era già stata sostenuta dai pm titolari dell'inchiesta sin dal maggio del 2009, quando furono apposti i sigilli al Salaria Sport Village e ad altri sei circoli.

Questo ed altri provvedimenti della giustizia penale sono citati nella sentenza del Tar, in cui si sottolinea che il punto centrale della questione è «l'accertamento della liceità e della legittimità dell'intervento edilizio realizzato per lo svolgimento dei campionati del mondo di nuoto». Nello sciogliere la questione i giudici amministrativi affermano come «l'ordinanza con cui il Presidente del Consiglio dei Ministri ha autorizzato il Commissario delegato, ove indispensabile, a derogare ad una pluralità di disposizioni normative non sia suscettibile di estensione alcuna – si legge nella sentenza – Le norme che il Commissario delegato è stato autorizzato a derogare sono solo e soltanto quelle espressamente indicate» e «l'interpretazione deve essere esclusivamente letterale».

La sentenza del Tar del Lazio comunque avrà effetti su tutte le strutture sportive che hanno avuto autorizzazioni a svolgere lavori di ampliamento in vista dei mondiali da parte del commissario straordinario nominato ad hoc per l'evento sportivo. Per quanto concerne la posizione del circolo Canottieri Aniene Associazione Sportiva Dilettantistica, la struttura sportiva non è intervenuta direttamente nel giudizio davanti ai giudici amministrativi.

 

È SUCCESSO OGGI...

Stalker recidivo: continua a perseguitare l’ex moglie e i familiari

  Non è stato sufficiente essere già stato arrestato nel 2012 per atti persecutori dagli stessi agenti della Polizia di Stato del commissariato di Albano Laziale. Un 41enne di Ariccia, ha continuato a perseguitare e minacciare la sua...
Bimba morta cosenza

Tragico incidente vicino Roma: muoiono padre e figlio di soli 5 anni

Tragico scontro avvenuto lo scorso pomeriggio sulla 156 dei Monti Lepini, all'altezza del chilometro 18, nel territorio di Prossedi, al confine con Giuliano di Roma. A perdere la vita padre e figlio di 5 anni. Sul...

Esplosione: attimi di paura a Colleferro

Attimi di paura stamattina a Colleferro nell’area Simmel del IV Km di Colleferro, dove è stata avvertita una forte esplosione Dalle prime informazioni raccolte sembra che l’esplosione sia stata causata dal malfunzionamento di un macchinario, facente...

Pisapia si sgancia dagli scissionisti e il laboratorio della sinistra nel Lazio soffre

Pisapia getta la spugna e nella sostanza non si candida alla premiership di quella sinistra sinistra che comprende i cosiddetti ‘scissionisti dell’Mdp. Da giorni, dopo il suo abbraccio con la ministra Boschi alla festa...
regione lazio

Lazio Ambiente, vertice in Regione. Fuori il presidio dei lavoratori

Domani, mercoledì 26 luglio, durante l’incontro sul futuro di Lazio Ambiente i lavoratori manifesteranno all’ingresso della sede della giunta regionale a partire dalle ore 14. L’incontro, ottenuto a seguito delle nostre pressioni, arriva dopo un...