Pomezia, lavoratori del call center Herla senza stipendio da un anno

0
64

 Senza stipendio da mesi. E’ per questo che 30 lavoratori a tempo determinato del call center Herla Italia di Pomezia sono in sit in di protesta da lunedì scorso sulla terrazza dello stabile di via Campobello. Una situazione drammatica che va avanti da troppo tempo e ha portato all’esasperazione gli operatori dell\’azienda subentrata a Sercomm nel marzo di quest’anno, che sul tetto dello stabile hanno passato due notti consecutive, arrivando a minacciare gesti eclatanti se non fosse intervenuta la proprietà dell’azienda con i soldi dovuti. E si tratta di tanti soldi, visto che i lavoratori non percepiscono stipendi e contributi dall’ottobre del 2009. «Abbiamo resistito per mesi», ci dice Raffaella N., una delle lavoratrici in protesta, «ma la situazione è peggiorata quando ci siamo resi conto che all’inizio dell’anno eravamo circa 400 dipendenti e ora siamo rimasti veramente in pochi. Qualcuno è stato messo nella condizione di andarsene dopo la proposta di trasferimento presso la sede operativa di Nola, che si è poi rivelata una “sede fantasma”, altri si sono licenziati per giusta causa, altri sono stati contattati da una società che fa capo alla stessa proprietà». Il timore di una chiusura improvvisa dell’azienda e quello di rimanere con le tasche vuote ancora per molto ha spinto i lavoratori a occupare la terrazza dello stabile dove, in questi due giorni di protesta, sono stati assistiti da carabinieri, vigili del fuoco e 118 e ascoltati dal sindaco di Pomezia, che nella serata di ieri ha raggiunto i manifestanti promettendo la richiesta di intervento del Prefetto. Nessuna traccia, invece, delle rappresentanze sindacali. Dall’azienda solo una comunicazione tramite il legale: «Qualsiasi accordo definitivo dovrà essere fatto in sede di conciliazione monocratica dinanzi al servizio ispettivo, che inizierà il 20 ottobre prossimo. In attesa, l’azienda ha offerto un pagamento di un importo che va dai 600 agli 800 euro cadauno». Un “gettone” che non soddisfa i lavoratori, che scelgono di continuare la protesta finchè la proprietà non salderà il debito.

 

 

 

 

                                                                                                          Teresa Di Martino

È SUCCESSO OGGI...

Tragedia a Roma: 16enne muore travolta da un Taxi

E' morta dopo due giorni di agonia una ragazzina di 16 anni travolta sabato pomeriggio da un taxi a Roma vicino San Giovanni. La ragazzina e' deceduta al Bambin Gesu' dove era stata trasferita...

Roma, da giunta ok a mutui rinegoziati

Rinegoziare i mutui contratti con la Cassa Depositi e Prestiti (Cdp), liberando maggiori risorse per la citta' per circa 10 milioni di euro nel solo 2017. È quanto prevede una delibera approvata dalla Giunta...

Il divino Otelma su Totti: «Smetterà di giocare. Potrebbe collaborare con me»

Il divino Otelma è intervenuto questa mattina ai microfoni di Ecg, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, su Radio Cusano Campus, l'emittente dell'Università degli Studi Niccolò Cusano. Sul futuro di Totti: "Smetterà di giocare. Potrebbe...

Sciopero degli operatori: rischio emergenza rifiuti a Guidonia

“Già si vedono i primi cassonetti non svuotati per le vie delle circoscrizioni, e siamo solo al primo giorno – commenta il candidato della coalizione civica Aldo Cerroni –. La nostra Città, già martoriata...

Zingaretti e Gentiloni in sopralluogo al nuovo ospedale dei Castelli

Sopralluogo questa mattina nel nuovo Ospedale dei Castelli del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e del presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, ad Ariccia, sulla Via Nettunense. La struttura, che sara' inaugurata nei primi...