Anzio, Futuro e Libertà avanza in Consiglio

0
42

 Futuro e Libertà avanza. Il Consiglio comunale di Anzio ha emesso un verdetto che in parte era stato già pronosticato da stampa e forze politiche. Il partito fondato da Fini ha rafforzato i numeri portando a sette i consiglieri: oltre a Nello Monti (eletto capogruppo), Pierluigi Campomizzi e Giulio Godente, si sono aggiunti ufficialmente Vito Presicce, Elio Castaldi, Sebastiano Attoni e Roberto Giacoponi. A questo punto è chiaro il disegno dietro le quinte del senatore Candido De Angelis, che è riuscito a far quadrato senza però ostacolare il lavoro del sindaco Bruschini (almeno per ora). Nonostante le polemiche sollevate dall’opposizione, che ha denunciato con forza le ultime manovre del centrodestra, Fli ha garantito il pieno sostegno all’Amministrazione Bruschini. Il Consiglio dello scorso 22 settembre si è svolto nella cornice della Sala degli Specchi del Paradiso sul mare, in attesa che a Villa Sarsina venga messo a punto il sistema di amplificazione. Le numerose interrogazioni presentate in particolare dagli esponenti del Pd sono state messe da parte per lasciare spazio alla verifica prioritaria della situazione politica. L’opposizione di centrosinistra, in particolare attraverso la figura del consigliere Pd Paride Tulli, ha manifestato numerose riserve sulle ultime manovre all’interno della maggioranza, anche se al momento attuale i numeri sono sempre dalla parte della giunta Bruschini. Nel Pd molti consiglieri hanno rilevato l’estrema facilità con cui alcuni consiglieri hanno cambiato casacca. Emblematici i casi di Castaldi, ex Idv, ora in forza a Fli e di Giacoponi, che nell’arco di pochi mesi è transitato da Alleanza Federale a La Destra di Storace per poi approdare al partito di Fini. Gli ultimi movimenti in seno alla maggioranza delineano uno scenario ormai nitido: Fli sosterrà l’operato di Bruschini nel prossimo biennio, per poi preparare il terreno al sempre più probabile ritorno di De Angelis.

 

 

 

                                                                                                                     Marcello Bartoli