Fiumicino Servizi, i dipendenti annunciano uno sciopero

0
23

 Sembrava che le cose tra la Fiumicino Servizi e il Comune di via Portuense sarebbero tornate a posto. E invece i sindacati dei lavoratori della società che si occupa della gestione dei rifiuti e dell’igiene urbana su tutto il territorio (almeno fino alla fine dell\’anno) hanno annunciato uno sciopero nel giro di due settimane, che provocherà non pochi disagi ai residenti.

A far scoccare la scintilla tra le parti è stata la mancanza di un impegno scritto da parte dell’Amministrazione di stabilizzare il personale della municipalizzata, che a fine 2010 terminerà di esistere. A preoccupare i lavoratori era stata, qualche settimana fa, la prima lettera di pre-licenziamento. Dopo un momento di tensione iniziale tra Comune e dipendenti, superato dopo un incontro tra i due soggetti, questi ultimi avevano deciso di aspettare le mosse di via Portuense.

A seguito dell’ultimo incontro, i lavoratori si sono decisi a incrociare le braccia. Per i tre sindacati la mancanza di un documento scritto significa “nessun passo in avanti” nella risoluzione del problema. I lavoratori hanno visto “scarso impegno da parte dell’Amministrazione”. Di contro, il Comune ha chiarito che c’è la volontà di salvaguardare i dipendenti della Fiumicino Servizi. 

L’Amministrazione aveva ipotizzato di rendere in-house la municipalizzata (attualmente gestita al 51% da via Portuense e al restante 49% da privati, tra cu l’Ama) e potenziare il sistema di gestione della raccolta dei rifiuti. Il decreto Ronchi ha poi impedito tale intenzione, obbligando il Comune a preparare un bando di concorso e scegliere una società esterna in grado di migliorare il servizio grazie anche a un piano di raccolta porta a porta, spazzamento per lotti e realizzazione di nuove isole ecologiche.

Proprio all’interno di questo bando di concorso da 12 milioni di euro, è prevista una clausola che prevede l’assunzione da parte della nuova gestione degli attuali lavoratori della Fiumicino Servizi e che quindi, a detta dell’Amministrazione, tutela i dipendenti, senza bisogno di altri documenti scritti.


Giulia Bianconi