Aranova, sfondano bar con furgone-ariete ma non rubano nulla

0
30

 Hanno ridotto il bar ad un cumulo di macerie, con l’aiuto di un’auto-ariete, per poi fuggire a mani vuote. È impressionante la distruzione post-tentato furto nel caffè “Revolution” di via Michele Rosi, strada principale di Aranova, località nord di Fiumicino. Ignoti, intorno alle 3.30 della notte, hanno lanciato a tutta velocità un furgone contro il bar, sventrando completamente serranda e vetrate. Il boato ha svegliato i residenti delle vicine villette che hanno subito allertato il 112. Forse impreparati e stupiti dall’eccessivo rumore, i ladri sono poi fuggiti a bordo di un’altra vettura, senza nemmeno toccare alcolici o contanti e lasciando il Fiorino all’interno del locale. I titolari, una volta giunti sul posto, si sono trovati di fronte uno scenario apocalittico: il bancone dell’esercizio ha sfondato nell’impatto il muro interno, finendo contro la cucina e gli scaffali contenenti bottiglie e vettovaglie hanno invaso ogni metro quadrato del negozio. Già otto mesi fa il negozio era stato colpito dai malviventi con la medesima tecnica dell’auto-ariete: in quell’occasione erano stati trafugati alcolici e le macchinette dei videopoker. I danni, per i proprietari, sono enormi: ora saranno costretti a ricorrere a costosi vigilantes privati per riuscire, almeno nei prossimi giorni, a proteggere il bar, ormai completamente inaccessibile, fino al momento delle riparazioni. Sul caso indagano i Carabinieri, ma vista l’esiguità degli indizi, testimoni o refurtiva, sarà difficile riuscire ad individuare i ladri. Il furgone utilizzato per il colpo e abbandonato è risultato ovviamente rubato: era stato sottratto nella notte ad un residente di Fregene. 

E nel quartiere, dove il 3 aprile scorso una donna ha subito una tentata violenza da parte di un ladro, riesplode l’allarme sicurezza.



                                                                                       Valeria Costantini