Albano, Alemanno: avanti con il termovalorizzatore

0
79

 Il termovalorizzatore di Albano Laziale sarà portato a termine. Parola di Gianni Alemanno, che dal Giappone, dove è in visita, riporta al centro del dibattito il destino dell\’impianto di smaltimento rifiuti che dovrebbe sorgere nella città castellana. «Abbiamo visto – ha spiegato Alemanno riferendosi alla visita del centro smaltimento a Tokio – come in qualche modo la tecnologia della gassificazione sia l\’evoluzione rispetto all\’impianto di Malagrotta, che nel nostro caso sarà quello di Albano. E\’ una tecnologia effettivamente efficiente e che permette di affrontare in maniera significativa tutte le realtà relative allo smaltimento dei rifiuti. Tra l\’altro questa visita ci ha permesso di manifestare tutte le nostre perplessità su uno degli ultimi atti dell\’allora vice presidente della giunta regionale, Esterino Montino, che ha scritto una lettera bloccando Albano, a cui si è accodato anche il presidente della Provincia Nicola Zingaretti». Una netta presa di distanza dalle prudenti posizioni del Pd provinciale e regionale che più di una volta si erano  espressi in maniera quanto meno attenta sulla realizzazione del gassificatore. «Non siamo stati noi a scegliere il sito di Albano – ha puntualizzato il primo cittadino romano – ma crediamo che sia un impianto da portare a termine e da questa visita di oggi abbiamo tratto una ulteriore convinzione che può essere uno strumento estremamente importante». Il sindaco spiega poi che l\’inceneritore contribuirà a chiudere la discarica di Malagrotta, «anche se oggi non siamo ancora in grado di dire quando avverrà». Sulla questione, ha precisato Alemanno «dobbiamo confrontarci con la Regione e riformulare completamente il piano rifiuti che è totalmente campato in aria. Dobbiamo portare la raccolta differenziata ad un dato realistico se pur ambizioso, perché raggiungere il 35% e mantenerlo, vuol dire raggiungere gli standard più alti delle capitali europee».

Sulla questione è intervenuto il consigliere regionale uscente del centrodestra Donato Robilotta, che apprezza la presa di posizione di Alemanno. In particolare si dice «soddisfatto» che il sindaco di Roma «ritenga indispensabile l’impianto di Albano, che sarà un gassificatore come quello già in funzione a Malagrotta, perchè per la sua autorizzazione mi sono battuto per due anni in Consiglio Regionale, quasi in solitudine insieme al collega Di Carlo». «Su Albano – ha detto Robilotta – ci ho messo la faccia e la presa di posizione odierna di Alemanno mi ripaga anche degli scontri avuti con gli amministratori locali del PdL che pensando di vincere le elezioni hanno inseguito Montino e i dirigenti del Pd nel dire che Albano andava bloccato». Ogni riferimento all\’ex sindaco di Albano Marco Mattei non è affatto casuale.

 

                                                                        Cinque

 

È SUCCESSO OGGI...

Multiservizi, in house o gara: giovedì decisione in Campidoglio

La seduta straordinaria dell'Assemblea capitolina sulla situazione della Roma Multiservizi prevista per domani alle 14 e' stata sconvocata in attesa della decisione sul futuro dell'azienda che, a quanto si apprende, dovrebbe arrivare dal Campidoglio...
Controlli dei Carabinieri auto notte movida

Evade dai domiciliari per rubare un telefonino: preso a piazzale delle Province

Nella tarda serata di ieri, un 43enne, originario e residente nella provincia di Napoli, con precedenti e già sottoposto agli arresti domiciliari è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione Roma Parioli con le accuse di...
capocotta

Spiagge e fondali puliti, volontari e studenti in azione a Capocotta

È partita oggi da Capocotta, in provincia di Roma, a pochi chilometri dall’Area marina protetta Secche di Tor Paterno, l’anteprima di "Spiagge e fondali Puliti – Clean up the Med", la storica campagna di...

Moschee abususive in box: tensione al Municipio V

Box auto trasformati in moschee abusive, con tanto di insegne all'esterno e affissioni con gli orari di preghiera, tra scale spostate nell'area di manovra dei veicoli, tramezzi eliminati, muri sfondati per unire piu' locali,...
general motors

Accorpamento Aci-Pra, scatta lo sciopero dei lavoratori

Se da Roma non se ne vanno come Sky e il Tg5, chiudono come Alamviva e oggi Aci Informatica buttando nella emarginazione assistita centinaia di dipendenti o creando gravi difficoltà ai lavoratori.  Oggi i 500 lavoratori di ACI...