Rocca di Papa, scoperta una casa di riposo totalmente abusiva

0
169

 La Squadra Investigativa del commissariato di Polizia di Marino ha scoperto una casa di riposo totalmente abusiva e per di più costosa a Rocca di Papa. A seguito di un controllo effettuato lunedì scorso presso un\’abitazione privata in via Casal Romito, i poliziotti verificavano che la struttura si "vendeva" come casa di riposo per anziani pur essendo totalmente priva di qualsiasi autorizzazione comunale e sanitaria. Nel corso del controllo veniva accertata la presenza di sei anziane donne, di cui alcune con problemi di salute e non in grado di deambulare autonomamente. L’intervento veniva operato in collaborazione con gli ispettori della Asl di Frascati, fatti giungere appositamente sul posto, che dopo una attenta verifica constatavano la mancanza di qualsiasi requisito previsto dalle normative di legge vigenti in materia. La Polizia ha attivato immediatamente le indagini accertando che agli anziani ospiti venivano praticate cure e somministrati farmaci senza le necessarie autorizzazioni e soprattutto da personale non in possesso dei relativi titoli professionali o comunque non autorizzato. Tra l\’altro ai familiari delle persone "ospitate" nella struttura veniva chiesta una retta mensile (salata) di 1500 euro. Nel corso dell\’intervento sono state trovate anche numerose confezioni di farmaci tenute su di uno scaffale nel locale interrato dell’abitazione: alcuni di questi venivano custoditi all’interno di contenitori improvvisati che riportavano una scritta adesiva con il nome del paziente a cui poi sarebbero state somministrate. Gli stessi medicinali erano conservati in condizioni igieniche davvero allucinanti. Al termine del controllo la Polizia ha immediatamente proceduto a riaffidare i malcapitati degenti, preventivamente visitati ed assistiti da un dottore della Asl e da un assistente sociale, ai propri familiari. In poco tempo la Polizia è riuscita a risalire ai gestori della struttura abusiva, denunciando alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Velletri due sorelle, T.F di 56 anni e T.B. di 55 anni, che erano coadiuvate dal marito di una di queste, A.G. di 62 anni, e dal loro nipote, P.G, di 36 anni. La stessa sorte è toccata anche a due dipendenti che esercitavano abusivamente la professione infermieristica, T.M , di 43 anni, e P.L. di 56 anni. Ovviamente i locali sono stati sottoposti a sequestro e sigillati in attesa di ulteriori verifiche. 


È SUCCESSO OGGI...

Campidoglio, Gianni Lemmetti è il nuovo assessore al Bilancio al Comune di Roma

Il nuovo assessore al Bilancio del Comune di Roma è Gianni Lemmetti. Pietrasantino, classe 1969, sarà lui il volto nuovo nella giunta della sindaca M5s Virginia Raggi. A scriverlo è il quotidiano Il Tirreno nell'edizione di...

Uova contaminate, scoperto caso anche a Viterbo

Dopo i casi di Benevento e Sant'Anastasia poche ore fa, i carabinieri del Nas hanno sequestrato altri due allevamenti italiani. Il primo a Vetralla, in provincia di Viterbo, dove i sigilli sono stati apposti...

Innesca un incendio nel bosco, arrestato in flagranza di reato

Nel pomeriggio di ieri, militari del NIPAF appartenenti al Gruppo Carabinieri Forestale di Viterbo, hanno proceduto all’arresto di un trentanovenne residente per incendio boschivo doloso nel comune di Viterbo. A seguito di attività d’indagine di...
A1

Schianto a Guidonia: un morto

Schianto mortale la scorsa notte a Guidonia Montecelio nella zona di Setteville dove un uomo è morto a seguito di un incidente. ULTIMORA: GRAVISSIMO INCIDENTE A ROMA IN METRO Secondo una prima ricostruzione la vittima in...

Formello, litiga con vicino e spara

Un colpo di pistola a scopo intimidatorio è stato esploso ieri sera nel corso di una lite tra due vicini in località Le Rughe a Formello.   A litigare, da alcuni giorni, sono un 30enne ed...