Fiumicino, aggredisce a bastonate il figlio di 6 anni della convivente

0
21

 Forse aveva bevuto un po’ troppo. Un alibi che non può spiegare la furia cieca di un trentunenne romeno che, preso da un vero e proprio raptus, ieri mattina, ha preso a bastonate il figlio della propria convivente, di appena sei anni. Teatro della vicenda, un\’abitazione di Passoscuro, frazione del Comune di Fiumicino. A portare a termine l’arresto sono stati i carabinieri della Compagnia di Civitavecchia. Ora lui, S.V.C., giovane straniero originario del Paese dei Carpazi, dovrà rispondere del reato di lesioni personali. Secondo quanto ricostruito l’uomo ha aggredito senza alcun motivo apparente, all’interno della propria casa, il figlio della propria fidanzata. Ha preso un bastione, e ha iniziato a colpirlo con vari colpi alla testa e al corpo. La madre non poteva assistere a tanta violenza contro il bimbo, e così ha chiamato i carabinieri della stazione di Passoscuro. E’ toccato ai militari, precipitatisi sul posto, ad accorgersi di quanto stesse accadendo. Quando gli hanno messo le manette ai polsi, l\’uomo era ancora in evidente stato di agitazione. Il piccolo è stato portato d’urgenza al pronto soccorso dell’ospedale Bambino Gesù di Palidoro, dove i medici in servizio gli hanno riscontrato diverse ferite al capo e contusioni agli arti superiori e inferiori. Per il trentunenne si sono invece aperte le porte del carcere di Borgata Aurelia, a Civitavecchia, dove ora è a disposizione dell’autorità giudiziaria locale.