Mercato di Fregene, vendite a picco dopo lo spostamento

0
183

 Gli operatori del mercato del lunedì di Fregene non se la passano bene. Negli ultimi due anni (da quando i commercianti sono stati spostati da via Cervia a via Fertilia) le vendite hanno subìto cali che hanno sfiorato il 50 percento. Negli ultimi mesi l’Amministrazione aveva anche valutato l’ipotesi di ampliare di 6 banchi l’area, che attualmente ne ospita 58. Ma i venditori ambulanti si sono opposti, vista l’evidente crisi.

“Via Fertilia è una strada isolata che non funziona commercialmente – spiega Paolo Ceroni, delegato di Fiumicino dell’Anva Confesercenti, che ha anch’egli una postazione a Fregene – Prima in via Cervia avevamo problemi di spazio, ma almeno lavoravamo in un quadrante pieno di residenze. Qui, invece, ci sono villette abitate solo d’estate. La clientela è diminuita parecchio e i cali alle vendite si fanno sentire”.

Quando nel gennaio del 2008 gli operatori furono spostati, gli stessi avevano detto di essere contenti del cambiamento vista l’area più grande. Con il passare dei mesi, si sono poi accorti dell’isolamento che questa comportava. Ma soprattutto che il mercato era sempre meno pubblicizzato e mal servito dai mezzi pubblici. “Molti non vengono in questa zona, anche perché sprovvista di collegamenti – aggiunge Ceroni – Per questo abbiamo chiesto al Comune di Fiumicino di prevedere una deviazione dell’autobus 020 che passa su via Castellammare. Il lunedì il bus dovrebbe circolare su via Cesenatico, facendo una sosta nei pressi del mercato, così da portare qui i cittadini”. Ma tra i problemi che riguardano il mercato di Fregene c’è anche quello legato alla mancanza di sicurezza. Tra una fila di banchi e l’altra c’è uno spazio di 9 metri che consente a qualcuno di passare con la macchina, noncurante dei divieti di transito dalle 7 alle 14 apposti alle due entrate dell’area commerciale. Per questo i mercanti hanno chiesto sempre all’Amministrazione di via Portuense di ridurre a 6 metri questo spazio. “In questo modo, i banchi sarebbero più raccolti e si eviterebbe di mettere in pericolo operatori e clienti con il possibile passaggio delle auto” spiega il delegato dell’Anva. Per i mercanti di via Fertilia, qualche problema è creato anche dagli “spuntisti” (ossia i venditori ambulanti non titolari delle postazioni). I commercianti di ruolo devono arrivare entro le 8, per evitare di perdere il proprio posto. “Chiederemo al Comune di prorogare questo orario alle 8,30 – conclude Ceroni – Una mezz’ora in più potrà permettere ai titolari che hanno avuto qualche contrattempo di poter comunque lavorare”.



                                                                          Giulia Bianconi