Calcio/Eccellenza A L\’Albalonga cede, l\’Anzio ringrazia

0
39

L’Anziolavinio vola in vetta superando un’Albalonga di contro giunta alla seconda sconfitta consecutiva. 

In cima al girone A di Eccellenza i ragazzi di mister D’Este si ritrovano al fianco del Fidene, con un punto di vantaggio proprio sugli azzurri e con ben quattro su una Diana Nemi che però recupererà giovedì la gara con l’Ostiamare. 

Insomma, la corsa è ancora lunga ma è chiaro che il bel 3-1 imposto ad una diretta concorrente scopre definitivamente le carte dei biancocelesti. 

Gara dai due volti, con l’Albalonga a tenere bene il campo soprattutto nel primo tempo. A rompere gli equilibri ecco però, appena dopo la metà della frazione, il vantaggio anziate realizzato dal solito Giuffrida. 

Sfida chiusa? Tutt’altro, perché c’è ancora molto da dire. Pochi minuti, infatti, e gli azzurri castellani raggiungono il pari grazie alla perfida punizione di Mereu che, non toccata da Turazza, finisce proprio nell’angolino alle spalle di Rizzaro. 

Nella ripresa il pallino passa in mano ai padroni di casa che però devono attendere una mezz’ora buona per avere ragione della coriacea Albalonga. A rompere definitivamente l’equilibrio e a provocare il cambio in vetta al girone è l’inzuccata vincente di Panella su calcio d’angolo. A chiudere poi l’incontro, appena 5’ dopo, è l’altro colpo di testa di Piccheri che porta l’Anziolavinio sul doppio vantaggio e realizza la più classica delle reti dell’ex. «Per la promozione è ancora tutto da scrivere», ha commentato mister D’Este nel dopo gara. «Peccato, perché avevamo fatto davvero bene», la secca disanima di Solimina.