Provinciali bloccate dal ghiaccio

0
24

 Ha sorpreso tutti, anche le più azzardate previsioni, la nevicata che ieri notte ha imbiancato le strade dei centri prenestini da Palestrina a Zagarolo. Solo quaranta minuti di precipitazione, poi il ghiaccio ha fatto il resto. Strade praticamente impercorribili, dove alla minima frenata, si pattinava. La situazione più allarmante nei pressi del bivio di Zagarolo, dove una lunga coda di macchine è rimasta ferma per quasi un’ora a causa di auto in panne. La rotatoria posta all’inizio del paese si è trasformata presto in un groviglio di macchine dove non si riusciva a capire in alcuni punti neanche il senso di marcia. I primi soccorsi stradali sono arrivati intorno alle ore 7 e 30 ad opera delle varie Protezioni civili locali. Il ritardo per i pendolari è stato inevitabile, tanto che alcuni hanno dovuto accontentarsi dell’ultimo treno delle 9. «Abbiamo fatto il possibile – dichiara il rappresentante della Protezione civile di San Cesareo Claudio Giordani – Siamo intervenuti con tutti i mezzi, compresi lo spazzaneve e lo spargisale. E’ stata una situazione imprevedibile – aggiunge – dove è mancato sicuramente il supporto dei mezzi dell’Anas che hanno raggiunto il territorio solo intorno alle 10 quando la temperatura era ormai intorno ai sei gradi.»

Non sono mancati gli incidenti. A Palestrina, un camion di grossa cilindrata ha bloccato per oltre due ore via Prato Bini perché finito in una cunetta. Quattro invece i sinistri registrati dai carabinieri tra Valmontone e Colleferro. Il più grave ha coinvolto una donna di 41 anni che si è ribaltata alla guida di una Panda al Km 47,600 di via casilina a causa del ghiaccio. L’auto è sobbalzata a una decina di metri dalla sede stradale. Immediati i soccorsi dell’autoambulanza dell’ospedale di Colleferro dove attualmente la donna si trova ricoverata con tumefazioni alla testa e alle gambe.

 

Carmine Seta