Marino, ritira la pensione della moglie morta e finisce in carcere

0
102

A 16 anni da poco compiuti è costretto a passare da solo la notte, e gran parte del giorno, in casa perché il padre settantenne – unico suo punto di riferimento – deve scontare una condanna a 5 mesi e mezzo di carcere a Velletri. L’uomo, residente a Marino, è stato infatti condannato per aver riscosso tre mensilità della pensione della moglie morta al solo scopo di assicurare un sostentamento al figlio. La vicenda è stata denunciata dal Garante dei detenuti del Lazio Angiolo Marroni. A quanto appreso dai collaboratori del Garante, la vicenda si inserisce in un quadro di estrema difficoltà economica e sociale. Il settantenne, attualmente detenuto a Velletri, dopo la morte della moglie ha accudito da solo il figlio sedicenne. Colpito da uno sfratto esecutivo perché, a causa delle difficoltà, non riusciva a pagare l’affitto, l\’uomo si era rivolto ai servizi sociali del comune di Marino, che gli avevano garantito un “contributo economico continuativo” di € 150 al mese, aiuto confermato anche nel 2010. Una somma che non bastava però a vivere. Per questo il settantenne aveva giustificato l’appropriazione delle tre mensilità della pensione della moglie morta con il grave stato di necessità. Data l’esiguità della pena da scontare i suoi avvocati avevano chiesto l’affidamento in prova ai servizi sociali; una misura che, tra l’altro, gli avrebbe consentito di seguire il figlio. Ma il magistrato di Sorveglianza ha rigettato la richiesta – concedendo la semilibertà con uscita dal carcere dalla mattina alla sera –  per non aver accertato, nell\’uomo, una revisione critica del suo gesto.

«In carcere, ormai, i casi surreali sono la regola e non l’eccezione – ha detto il Garante dei detenuti Angiolo Marroni – In poche settimane è il terzo caso, di cui ci siamo occupati, di anziani costretti in carcere per delitti tutt’altro che efferati. Prima l’ultrasettantenne di Anzio che occupava abusivamente una spiaggia con gli ombrelloni, poi l’uomo costretto a passare Natale in cella per essersi allacciato abusivamente, anni prima, a un palo della corrente, infine questo. Di tutte queste vicende colpisce non solo l’età avanzata dei protagonisti, ma soprattutto l’eccessiva durezza della condanna a fronte del reato. Forse dovremmo riflettere su un sistema per cui, come nel caso di Marino, sembra più importante punire un uomo che evitare che il figlio minorenne passi la notte da solo in casa. Io credo che una risposta duratura all’emergenza carceri, come auspicato dal governo, possa passare in primis dall’evitare di ricorrere al carcere nelle centinaia di casi come quello che stiamo denunciando».

È SUCCESSO OGGI...

3 milioni di euro in orologi e gioielli: smascherato il “tesoretto” della camorra

Nel corso delle perquisizioni scattate nell’ambito dell’operazione “Babylonia” - che ha portato a disarticolare due distinte associazioni per delinquere finalizzate all’estorsione, l’usura, il riciclaggio, l’impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita e...

Da una borgata all’altra in motorino per spacciare cocaina

É stato bloccato dagli agenti della Polizia di Stato del commissariato Fidene Serpentara, a bordo del suo scooter in Via Ugo Ojetti, con 426 dosi di cocaina pronte ad essere smerciate al Tufello, borgata...
Sergio Pirozzi

Pirozzi chiede le dimissioni dell’assessore regionale Buschini

''Mi ha preso in giro, bando ancora non pronto''. Questo l'attacco del sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi, infuriato con l’assessore Mauro Buschini. Il sindaco della città terremotata lo ha detto stamane ai microfoni di Radio Capital,...

Aggredito durante una visita domiciliare: disavventura per un medico

La Fimmg Lazio denuncia l'ennesimo episodio di aggressione di un medico della continuità assistenziale avvenuto la scorsa notte nella zona di Fiano Romano, picchiato durante una visita domiciliare, fortunatamente in questo caso la presenza...

Rubano un motorino e scappano: fermati dai poliziotti, li aggrediscono

Due gemelli 17enni di origine peruviana, con un ricco curriculum criminale alle spalle, approfittando dell’ora, le 5.30 del mattino, ieri si sono recati in via Domenichini a Roma, una strada chiusa utilizzata dai residenti come parcheggio...