Palestrina, il Tar dà ragione agli studenti dell’Eliano

0
48

Il Tar del Lazio ha accolto il ricorso degli studenti del Liceo Eliano di Palestrina bocciati lo scorso luglio agli esami di maturità. Si tratta di uno dei pochi casi di vittoria studentesca in una sentenza. Il caso riguarda nove alunni respinti all’esame da una commissione esterna presieduta dalla preside dell’Enrico Mattei di Cerveteri, Daniela Scaramella, che aveva usato, a detta degli studenti, metodi poco ortodossi per la valutazione. Un risultato opposto a quello del restante istituto dove si sono registrati appena 12 bocciati su 150 candidati. Genitori e studenti hanno lottato fino all’ultimo per avere giustizia su una valutazione ribaltata completamente, in alcuni casi, in sede di esame.

La scorsa settimana la terza sezione (bis) del Tribunale amministrativo regionale, presieduta dal giudice Evasio Speranza, ha accolto la richiesta dell’avvocato Domenico Naso di sospendere l’efficacia del mancato superamento degli esami di Stato ed «assegnare all’Istituto Liceo Eliano di Palestrina il termine di 40 giorni entro i quali dare esecuzione alla presente ordinanza». Un periodo piuttosto breve che dà ormai per certo la perdita dell’anno scolastico. Dovranno essere rivalutate le prove scritte dei candidati sulla base delle griglie di valutazione adottate dal Consiglio di Stato e ripetere gli esami orali nel rispetto della direttiva ministeriale: discussione dell’argomento scelto dal candidato, discussione degli elaborati delle prove scritte, interrogazione su tutte le discipline, equilibrata articolazione della durata delle diverse fasi del colloquio.