Nascondevano hashish nella playstation, arrestati due minorenni

0
23

Nonostante i continui controlli delle forze dell’ordine sul litorale romano sembra non placarsi il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, soprattutto tra i più giovani, al punto da utilizzare la playstation come un nascondiglio per la droga, anziché come passatempo comune a tutti i loro coetanei. Si tratta di due ragazzi minorenni, di diciassette anni, di Ostia, arrestati dai carabinieri con l’accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Secondo quanto è stato possibile appurare dalle forze dell’ordine, infatti, la coppia di ragazzi era solita smerciare droga in una piccola piazza di Ostia, dove sono stati sorpresi mentre vendevano dosi di hashish agli adulti. Più precisamente, con un blitz messo in atto dai carabinieri della compagnia locale, è stato possibile cogliere in fragranza di reato i due mentre cedevano una dose di hashish a una cinquantenne, residente ad Ostia. Immediata è scattata la perquisizione: uno di loro è stato trovato in possesso di altre tre dosi di hashish, che aveva nascosto all’interno dei pantaloni. L’altro suo coetaneo, invece, è stato trovato in possesso di numerose banconote da cinque euro e di un coltellino, che secondo gli inquirenti sarebbe stato utilizzato per tagliare lo stupefacente. E’ stato però nel corso di una perquisizione fatta a casa di uno dei due che i militari hanno avuto una vera e propria sorpresa: sono riusciti a scovare 30 grammi di hashish, infatti, nascosti all’interno di una Playstation. All’interno della consolle per videogiochi lo stupefacente era già suddiviso in dosi che erano pronte alla vendita. I due baby-spacciatori sono ora all’interno del  centro di prima accoglienza minorile di via Virginia Agnelli, a Roma.