San Cesareo: prima lo lascia poi lo fa pestare dal suo ex

0
41

Esausta della convivenza, voleva andarsene non prima però di aver portato con sé un copioso bottino di trattamento di fine rapporto. E’ la storia di una giovane romena di 23 anni da qualche mese a lavoro come colf presso un’abitazione nelle campagne di San Cesareo dove viveva un anziano signore sessantanovenne. 

In accordo con il suo ex, un albanese di 27 anni, la donna voleva estorcere all’anziano la somma di 5000 euro e lasciare per sempre l’abitazione. L’agguato è avvenuto nella notte di sabato, intorno alla mezzanotte. Attraverso una finestra lasciata appositamente aperta dalla sua amica, l’albanese si è introdotto nell’abitazione dritto verso il letto dell’anziano. Svegliato di soprassalto, l’anziano è stato pestato a sangue con il calcio di una pistola che l’albanese aveva portato con sé. Poi la richiesta: 5000 euro in contanti. Subito. L’anziano non avendo con sé quella somma, si è visto costretto a telefonare a un amico commerciante. Sembrava filare tutto liscio e invece il commerciante si è presentato all’abitazione con altri tre amici, insospettiti della strana richiesta dell’anziano. Resosi conto di essere assediato, il giovane albanese ha imbracciato un vecchio fucile deposto in un armadio, tenendo sotto tiro i soccorritori. Poi la fuga. Immediati sono scattati i soccorsi al povero anziano stremato a terra in una pozza di sangue. Poi la chiamata ai carabinieri. Le operazioni di ricerca hanno impegnato per tutta la giornata di domenica i Carabinieri delle Stazioni di San Cesareo, Zagarolo e Gallicano e si sono concluse nelle campagne di San Cesareo con l’arresto del malvivente. Ieri il giudice ha notificato l’arresto anche alla giovane colf, complice e responsabile dell’agguato nella notte. Oltre al fucile sono stati sequestrati alcuni oggetti e vestiari rubati nell’abitazione. Per l’anziano si prospetta invece una lunga degenza presso l’ospedale Umberto I, dove è stato trasferito ieri per le gravi ferite riportate sul viso. I medici hanno comunque assicurato che non è in pericolo di vita.

                                                                                                                 C.S.