Guidonia, per vendicarsi ha dato fuoco all’auto del cognato: arrestato

0
85

 Aveva dato fuoco all’auto del cognato , per vendetta dopo una lite e per dare corso alla spedizione punitiva  si era pure allontanato da Ostia, dove era sottoposto  alla misura di sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno, ed era arrivato fino a Guidonia. Il fattaccio è accaduto il 26 agosto scorso in via Lunardi, da allora i carabinieri non hanno smesso di indagare fino ad arrivare nei giorni scorsi  ad individuare il colpevole. A finire in manette è stato G.P. 30enne pregiudicato. L\’incendio, oltre a distruggere completamente l\’auto, una Volkswagen Polo,  aveva danneggiato anche le tapparelle di un appartamento al secondo piano ed un segnale stradale. I carabinieri intervenuti sul posto trovarono in  una via adiacente una tanica in plastica che emanava un forte odore di benzina. Dalle prime testimonianze raccolte sul posto dai militari della stazione di Guidonia, sono state avviate le indagini finalizzate ad individuare il responsabile. I carabinieri, già la sera stessa dell\’incendio, avevano appreso che tra il proprietario del veicolo ed il cognato vi erano stati dissidi e liti. Quest\’ultimo però, pregiudicato per vari reati contro il patrimonio, si trovava sottoposto alla misura della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel Comune di Roma, a Ostia. I carabinieri sono riusciti a dimostrare che il pregiudicato al momento dell\’incendio non si trovava nella propria abitazione che addirittura, il giorno successivo, si era vantato con un amico di avere osato violare l\’obbligo di soggiorno per andare a Guidonia perché avendo litigato con il cognato, si era vendicato incendiandogli la macchina. Nello sviluppo delle indagini,  i carabinieri sono inoltre riusciti a raccogliere la dichiarazione di un testimone oculare che aveva proprio visto l’uomo mentre dava  fuoco all\’auto.  Un ulteriore elemento raccolto dagli investigatori è stato l\’atteggiamento intimidatorio e minaccioso che G.P. ha continuato a tenere nei giorni successivi  al fatto nei confronti del cognato e della sorella, in riferimento anche all\’incendio della vettura. Sulla base di tale quadro probatorio, il Pm della Procura della Repubblica di Tivoli, ha richiesto l\’emissione di un\’ordinanza di  custodia cautelare in carcere nei confronti del responsabile, che  è stata concessa dal Gip di Tivoli, il quale ha concordato pienamente con le risultanze investigative raccolte dai carabinieri in ordine al reato di danneggiamento seguito da incendio. Il provvedimento restrittivo è stato notificato dai militari all\’interessato presso il carcere di Rebibbia, dove questi è già detenuto a seguito dell\’arresto eseguito proprio dai militari lo scorso 19 settembre per violazione della sorveglianza speciale, poiché sorpreso davanti ad un bar di Guidonia, pur avendo l\’obbligo di soggiorno ad Ostia.

È SUCCESSO OGGI...

Ama, raggiunto accordo con i sindacati. «Ammessi i problemi in azienda»

"Siamo realmente soddisfatti del verbale firmato ieri in Ama, perché dopo resistenze e difese d'ufficio da parte dell'azienda, anche grazie al sopralluogo congiunto effettuato con l'Assessora Pinuccia Montanari, il management ha finalmente ammesso i...
Civitavecchia

Fiumicino, fingono di riparare strade e rubano biglietti dell’autobus

Gli agenti della Polizia di Stato della Frontiera Aerea di Fiumicino hanno individuato e denunciato all'autorità giudiziaria due dipendenti di una ditta di manutenzione stradale, che opera all'interno dello scalo romano, specializzati nel furto...

Il ritorno di Marco Carta: presenta il nuovo album a Roma

In occasione dell'uscita del suo nuovo album ''Tieniti forte'', il cantante Marco Carta incontra i fan di Roma presso lo store Discoteca Laziale, sabato 27 maggio alle ore 15:00. L'artista sardo, vincitore di "Amici" nel 2008, torna...
Incendio Eco X Pomezia

Rogo Eco X, la fabbrica non aveva un impianto antincendio

"La Eco X non ha un impianto antincendio, non aveva un sistema idrico idoneo a consentire lo spegnimento delle fiamme. I Vigili del Fuoco sono stati costretti a fare 2 chilometri per approvvigionarsi dell'acqua...

Falso allarme bomba a Termini: ecco quanto acacduto

Un bagaglio abbandonato a piazza dei Cinquecento, dentro la galleria Termini centrale, ha fatto scattare un allarme bomba. Gli arteficieri sono intervenuti sul posto, hanno messo in sicurezza l'area e hanno trovato all'interno del...