Ostia,scambiato per tifoso inglese viene accoltellato : 4 arresti

0
52

 Lo hanno aggredito perché pensavano fosse un tifoso inglese arrivato nella capitale per vedere la finale di Champions League Manchester-Barcellona. Invece, era un turista che si stava godendo il mare e qualche passeggiata sulla spiaggia. Unico suo punto "debole", parlava inglese. E questo ha fatto balenare l’idea ai romani di passaggio che fosse un tifoso inglese da aggredire. E’ stato trovato a terra sanguinante, nella notte di martedì, mentre urlava frasi in lingua inglese, e sopra di lui erano riverse quattro persone che lo stavano picchiando e ferendo con un coltello. Vittima dell’episodio è stato T.B.A., cittadino statunitense di 23 anni. Il ragazzo stava passeggiando tranquillamente, quando ha incontrato i suoi aggressori. L’uomo è stato immediatamente soccorso, e trasportato all’ospedale “Giovan Battista Grassi”, dagli agenti della polizia di Stato del commissariato “Lido di Roma”, che proprio in quel momento stavano effettuando un pattugliamento sul lungomare Toscanelli a bordo della volante del commissariato. Il loro intervento tempestivo ha impedito la fuga degli aggressori, che sono stati immediatamente identificati. Loro, secondo quanto è stato possibile ricostruire dalle forze dell’ordine, erano da poco usciti da un pub sul lungomare di Ostia. Una volta fuori, avevano iniziato a muovere i primi passi sul litorale quando hanno incontrato lo straniero che probabilmente è stato da loro scambiato per un tifoso inglese. Così, sono partiti prima gli insulti, poi le percosse. Alla vista della volante della polizia di Stato del litorale, i giovani hanno tentato la fuga, ma sono stati bloccati dai militari. Alla vista degli agenti i quattro, intuendo che la situazione per loro si era fatta critica, hanno pensato bene di gettare il coltello dietro ad alcuni cespugli. Ma quel gesto non è passato inosservato al personale di polizia, che è riuscito a recuperare l’arma.  La vittima è tuttora ricoverata all’ospedale Giovan Battista Grassi, con 15 giorni di prognosi per ferita penetrante da arma bianca alla coscia ed al gluteo, mentre i suoi aggressori, F.D. quasi ventenne, D.A.R., 21enne, C.A. e S.B., entrambi di 22 anni, tutti romani, sono stati arrestati. Loro ora dovranno rispondere alla giustizia di lesioni gravi aggravate e inosservanza della legge sulle armi.