Casalotti, omicidio Musci: sequestrati i beni agli eredi

0
69
Omicidio a Casalotti, sequestrati beni di Musci villa preziosi

Sequestrati i beni agli eredi di Roberto Musci, freddato a colpi di pistola da ignoti il 23 gennaio 2014 mentre usciva dalla propria abitazione. La vittima, un 33enne con precedenti penali, si trovava agli arresti domiciliari in un complesso residenziale a Casalotti in via Giuseppe Lazzati.

IL SEQUESTRO – Stiamo parlando di un’esecuzione in stile mafioso, un omicidio a sangue freddo privo ancora di un colpevole. Il sequestro dei beni del defunto Musci è avvenuto poiché la vittima, sebbene non svolgesse alcuna attività lavorativa, in realtà disponeva di beni immobili, mobili e denaro contante del tutto sproporzionato rispetto al reddito percepito e dichiarato da sé e dalle persone rientranti nel suo nucleo familiare.

VILLA E PREZIOSI – Tra i beni confiscati troviamo la villetta dove l’uomo risiedeva regime di arresti domiciliari, 57 mila euro in danaro contante occultati all’interno di un intercapedine dell’abitazione della vittima e diversi oggetti preziosi per un valore complessivo stimato di circa 500.000 euro.

Ancora nessuna novità invece sull’entità dell’assassino, sebbene tale sequestro potrebbe far luce sulle dinamiche dell’omicidio.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI CINQUE QUOTIDIANO

[wpmlsubscribe list=”9″]