Boccea, rivolta alla Casa di Cura Villa Aurora

0
370

Senza stipendio da gennaio. Sono 56 i lavoratori della Casa di Cura Villa Aurora che continuano a prestare il loro servizio, mantenendo la struttura aperta e garantendo l’assistenza ai degenti ricoverati, senza ricevere alcuna retribuzione. La struttura, attiva dal 1971 e dotata di circa 100 posti letto di ricovero ordinario, non paga i suoi lavoratori da quasi 3 mesi, creando così grandi difficoltà e tensione tra i dipendenti oltre che all’interno delle loro famiglie. A restare senza stipendio sono tutte le categorie presenti nella clinica, dagli inservienti ai medici, dagli infermieri agli ausiliari ospedalieri.

AL LAVORO SENZA STIPENDIO – “Stiamo lavorando senza stipendio” è la frase esposta con uno striscione all’ingresso della struttura. “Cerchiamo di garantire un’assistenza di qualità ai nostri pazienti nonostante la situazione drammatica – spiega un medico – eppure siamo completamente ignorati dai nostri dirigenti”.

VOLANTINAGGIO ALLA METRO BATTISTINI – A lanciare l’allarme i sindacati CGIL e CISL, promotori di un’azione di volantinaggio nei pressi della metro A Battistini per diffondere questa tragica situazione e cercare ogni tipo di appoggio o sostegno. “Nessuno ci aiuta, tutti ci hanno abbandonato. Abbiamo bisogno di visibilità, i cittadini devono sapere in quale condizione viviamo”  esclama un’infermiera.

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SU CASALOTTI BOCCEA DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”67″]