I comunales contro Ignazio Marino. Scatta la protesta

0
55

Circa 200 dipendenti comunali, per lo piu” aderenti al sindacato Usb, stanno manifestando questo pomeriggio in piazza Bocca della Verita”, a Roma. I ”comunali”, cosi” come si sono definiti, sono in agitazione per una serie di motivi: tagli, precariato, e riduzione dei servizi. “Questa piazza- spiega una delle portavoci della protesta, Caterina Fida dell”Usb- rappresenta tutto l”universo capitolino, ci sono i dipendenti centrali e municipali, quelli dell”Atac, le maestre degli asili, i vigilantes della societa” ex Urbe. Siamo preoccupati per la situazione: dai tagli al blocco del contratto, fino alle assunzioni, ma anche per i servizi che peggiorano sempre piu””.

TARTASSATI E TRATTATI MALE – “Noi dipendenti- dice ancora- ci sentiamo tartassati e trattati male, come dei fannulloni. Il settore scolastico rischia la crisi, basti pensare che l”assessore Alessandra Cattoi ha ridotto pochi giorni fa gli orari di lavoro e di apertura degli asili nido. Questo vuol dire sempre meno servizi e impossibilita” per i precari di essere assunti”. I manifestanti a breve si muoveranno in corteo verso il Campidoglio. Chiesto un incontro con il sindaco Ignazio Marino.

BECCATI DALLE IENE – Parioli, Salario, Flaminio: i dipendenti di uno dei municipi più belli di Roma si “godono il quartiere” nell’orario di lavoro, subito dopo aver timbrato il cartellino.

POLEMICHE SUGLI STIPENDI. Lo hanno scoperto le Iene (proprio nei giorni in cui monta la polemica sugli stipendi) con l’inviato Filippo Roma che di prima mattina si è appostato presso la sede dei servizi anagrafici e dei servizi sociali del municipio, molti mesi dopo la prima incursione. Ore 8.15: è arrivato il momento di entrare al lavoro: si varca il portone, si salgono poche scale, si supera un corridoio fino ad arrivare alla macchinetta delle timbrature. E poi? La telecamera nascosta segue la silhouette della impiegata che invece di imboccare sulle scale o di aspettare l’ascensore… torna indietro verso la porta. Come lei altri ancora verranno ripresi, a testimonianza di un malcostume diffuso che la nota trasmissione televisiva non smette di voler denunciare.

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SUL CAMPIDOGLIO DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”8″]