Atac, quando i bus sono un miraggio: la rabbia dei pendolari

0
270
Atac, quando i bus sono un miraggio: la rabbia dei pendolari

La linea Atac 906 è una linea di autobus che collega il quartiere di “Casal Lumbroso” con la stazione di “Valle Aurelia”. Linea fondamentale per gli spostamenti dei pendolari dalla periferia al centro e viceversa, sembra, sia la mattina che la sera, quasi assente: in ritardo cronico e sovraffollata, specialmente negli orari di punta.

ORARI INAFFIDABILI – Gli orari di marcia sono completamente inaffidabili e risulta complicato gestire gli spostamenti con il mezzo pubblico. Questi problemi incentivano l’uso del mezzo privato con conseguenze negative sull’intensità del traffico e sul maggior dispendio per il costo del carburante.

LA RABBIA – «Come mai l’amministrazione pubblica non aumenta le corse della linea Atac 906?» sbotta una signora alla fermata. «Perché non aumentano il numero di pensiline su via dell’Acquafredda?», fa notare un signore anziano che attende il bus da diversi minuti. Altro problema, relativo sempre a questa linea, riguarda infatti le pensiline di attesa del mezzo, assenti su questo tratto di strada, dove sono collocate 5 fermate, utili sicuramente durante i giorni di pioggia e le calde estati.

CAOS TRAFFICO – Inoltre la linea del 906 passa vicino all’istituto scolastico “Einstein”in via Pasquale II: «Mio figlio è tornato a casa dopo un’ora e mezza perché l’autobus non passava», lamenta una mamma esasperata.
Questo è uno dei tanti esempi di un problema che necessita un provvedimento risolutivo. Sarebbe auspicabile un buon servizio di trasporto pubblico perché disincentiverebbe i genitori dal ricorrere al mezzo privato e diminuirebbe il traffico in zone ad alta densità popolare.

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SU MOBILITÀ DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”64″]