«No all’antenna Telecom in Via Ebridi». L’urlo del cdq Parco Pallotta

Raccolta firme per evitare l'installazione dell'ennesimo impianto nel Municipio X

0
305
antenne pallotta

Da oggi parte la petizione popolare per contrastare la richiesta per l’installazione  dell’antenna in via Ebridi (angolo via Martinica) da parte del gestore telefonico Telecom come da protocollo del 7 agosto 2014 da parte del Municipio X così come si legge del portale del Comune di Roma:

IL PROTOCOLLO – “Il Municipio informa i cittadini, ai sensi del protocollo d’intesa tra Comune di Roma e Gestori di telefonia mobile, che è pervenuta la richiesta di autorizzazione, da parte di “Telecom”, per l’installazione di una Stazione Radio Base – in Via dell’Ebridi – prot. Dip.to P.A.U. n. 123090 del 07/08/14 e trasmessa al Municipio X in data 9 settembre 2014 acquisita al prot. n. 109130 del 17 settembre 2014. Entro i termini di formazione del “silenzio assenso” (90 gg dalla data della richiesta) è possibile far pervenire comunicazioni ed/od osservazioni di opposizione alla suddetta installazione che dovranno essere inviate alla UOT del municipio e per conoscenza all’Assessorato all’Urbanistica, tramite protocollo”.

IL COUNTDOWN – Quindi Il countdown dei 90 giorni a disposizione della collettività per esprimere le proprie osservazioni in merito è iniziato ed il comitato di quartiere Parco Pallotta si è attivato per cercare di contrastare quest’ennesimo «sopruso nei confronti dei cittadini». Il comitato Parco Pallotta, che conta più di 200 tesserati ed è in forte crescita, è contrario in quanto c’è già la presenza di altre fonti di onde elettromagnetiche tra antenne, eletrodotti e cabine di trasformazione già funzionanti sul territorio e vista la presenza di un gran numero di studenti e bambini frequentanti le scuola dell’infanzia, materne, elementari e superiori presenti nel quartiere come il complesso in Via della Tortuga. Nella zona di Via Ebridi c’è copertura sia dati che telefonica e a maggior ragione non è giustificata, secondo i cittadini, quest’altra installazione.

IL PIANO REGOLATORE – In collaborazione con il CdQ Parco Pallotta c’è anche l’associazione SosAmbiente10* vicina ed attenta a questi problemi. La questione delle antenne in questo territorio è stato affrontato più volte e ci vorrebbe una mappatura esatta di tutte quelle fino ad ora installate: ad oggi se ne contano circa 220 ufficializzate.
Inoltre è necessario un piano regolatore di esse ed uno smistamento coerente con le esigenze dei cittadini e non solo degli operatori telefonici. Il piano regolatore può essere l’unico modo per contenere la dilagante egemonia dei gestori telefonici.

[form_mailup5q lista=”ostia”]

È SUCCESSO OGGI...