Anzio, non gli danno un prestito e mette a ferro e fuoco il quartiere

0
51
cronaca di roma

I carabinieri della Stazione di Anzio hanno arrestato un 38enne italiano, già noto alle forze dell’ordine per alcuni pregiudizi penali, resosi responsabile di tentata estorsione, danneggiamento aggravato ed incendio doloso. L’uomo, nel pomeriggio di ieri, dopo aver discusso per l’ennesima volta con i propri familiari ha dapprima danneggiato la porta di ingresso dell’abitazione dei genitori e subito dopo, una volta resosi conto del sopraggiungere del fratello con la propria auto, dal balcone dell’appartamento ha lanciato giù due pezzi di marmo che hanno impattato sulla carrozzeria del mezzo senza fortunatamente ferire il congiunto.

INCEDIA UN’AUTO – Non contento, ed in evidente stato di alterazione, l’uomo è sceso in strada e dopo aver avuto un ulteriore discussione con il fratello si è recato dietro l’abitazione dove era parcheggiata un’altra autovettura, sempre in uso al fratello ma al momento non utilizzata. Qui l’aggressore ha forato le 4 gomme, ha mandato in frantumi il lunotto posteriore con un bastone in legno ed infine mediante un accendino ha cercato di dare fuoco all’abitacolo. I militari della Stazione di Anzio, intervenuti su richiesta di alcuni vicini, una volta giunti sul posto hanno bloccato l’uomo che ancora in stato di agitazione è stato allontanato e condotto in caserma, evitando che lo stesso potesse arrecare ulteriori danni, soprattutto nei confronti dei propri familiari. Nel frattempo le fiamme, che hanno provocato la bruciatura della tappezzeria interna dell’autovettura, sono state domate con l’ausilio dei Vigili del Fuoco di Anzio intervenuti sul posto.

LA MADRE SI ERA RIFIUTATA DI FARGLI DA GARANTE – I successivi accertamenti hanno permesso di appurare che alla base del gesto ci sarebbe stata una discussione, l’ennesima, con i propri genitori. In particolare l’uomo nel pomeriggio di ieri avrebbe richiesto con insistenza alla madre, dietro minaccia, di fargli da garante per un prestito presso l’Ufficio Postale. Al netto rifiuto della donna, che già in passato era stata minacciata ed aggredita dal figlio per motivazioni similari e comunque legate a richieste di denaro, l’uomo sarebbe andato su tutte le furie recandosi presso l’abitazione dei genitori dove ha scatenato la sua ira nei confronti dei propri congiunti.  Nella tarda serata, al termine di tutti gli accertamenti, l’arrestato è stato associato presso la Casa Circondariale di Velletri.

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SU ANZIO DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”48″]