Nettuno, 40enne nascondeva in casa quasi sette chili di “erba”

0
108

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Anzio, nel corso di questo fine settimana hanno arrestato un 40enne del luogo, un operaio già conosciuto alle forze dell’ordine per qualche precedente, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

MARIJUANA E HASHISH – L’uomo, al termine di un servizio di osservazione e pedinamento, è stato controllato nella sua abitazione, dove i Carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato circa kg. 6,5 di marijuana e 70 grammi di hashish, nonché materiale vario da utilizzare per la pesatura ed il confezionamento dello stupefacente; la marijuana, in particolare, è stata trovata per buona parte suddivisa in alcuni barattoli di vetro che sono stati comunque sottoposti a sequestro.

AFFARE DA MIGLIAIA DI EURO – Il pusher, in relazione al quantitativo rinvenuto, è stato associato presso la Casa Circondariale di Velletri. Dai primi esami di laboratorio effettuati sullo stupefacente rinvenuto è emerso che la sostanza avrebbe prodotto complessivamente numerose dosi per un guadagno di diverse migliaia di euro una volta immessa sul mercato.

GIRO DI DROGA – Spacciavano hashish, cocaina e marijuana nelle piazze di Anzio e Nettuno.  Erano un’organizzazione ben articolata, 12 persone, che avevano il controllo del traffico di droga nelle due cittadine del litorale, compresa Ardea e una vasta area dei Castelli Romani.

È stata la polizia di Stato di Anzio-Nettuno, coordinata dalla procura della Repubblica di Velletri,  a smantellare il gruppo criminale, al termine di una lunga operazione denominata “Big Tower“ con riferimento, appunto, alla zona di Nettuno, dove risiede la maggior parte degli indagati e dove sono state individuate le principali centrali di spaccio.

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SU NETTUNO DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”46″]