Guidonia, non vuole andare a scuola. La mamma lo pesta

0
121
guidonia mamma figlio

A chi non è mai successo di essere “picchiato” dal proprio genitore perché non si vuole andare a scuola? Questa volta però il caso è finito direttamente negli uffici del commissariato di Guidonia Montecelio che ha denunciato una mamma per “abuso di mezzi di correzione”. In sostanza si segnala il comportamento scorretto in virtù della sua posizione.

LIVIDI SUL CORPO – Il ragazzo, che poi a lezione è andato, ha mostrato i lividi alla professoressa, la quale non c’ha pensato due volte segnalando il caso alle autorità. Il caso è passato subito al commissariato di Tivoli, diretto da Maria Chiaramonte. Prima il referto del pronto soccorso, dove gli sono stati dati sette giorni di prognosi, e poi il racconto del fatto in commissariato, in modalità protetta.

DENUNCIA – Per la mamma è quindi scattata la denuncia. Un atto dovuto, a quel punto. Secondo la ricostruzione la donna aveva brandito un mattarello.

STORIE DI FAMIGLIA – Erano in sette, tutti a volto coperto, armati e molto pericolosi. Una banda organizzata che aveva studiato tutto nei minimi dettagli. Paura nella frazione di Setteville di Guidonia dove qualche sera fa è stata portata a termine una rapina nella villa di Fabiano Valelli, proprietario del “Dubai Palace” e candidato alle primarie del centrosinistra per la scelta del candidato a sindaco di Guidonia.

PICCHIATO E RINCHIUSO INSIEME ALLE FIGLIE – Hanno atteso l’imprenditore nascosti in giardino e sono entrati in azione non appena, dopo il rientro, si è chiuso il cancello alle spalle. L’imprenditore  è stato poi chiuso nella stanza della governante insieme alle tre figlie, di 13, 14 e 6 anni sotto la minaccia di due pistole. Valelli, colpito a schiaffi, è stato costretto anche ad aprire la cassaforte che conteneva contanti e gioielli. Quasi un’ora di terrore per l’intera famiglia.

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SU GUIDONIA DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”4″]