Albano, maltratta e sequestra la convivente: arrestato pregiudicato

0
102
Albano, maltratta e sequestra la convivente: arrestato pregiudicato

Nel primo pomeriggio di ieri, gli agenti della squadra volante del commissariato di Albano Laziale, hanno tratto in arresto F.F. di 40 anni, pregiudicato, responsabile di sequestro di persona e maltrattamenti in famiglia. Intorno alle 13 una volante si è recata in via Laghetto di Castel Gandolfo, dove erano state segnalate grida di aiuto da parte di una donna.

URLA DALL’ABITAZIONE – Gli agenti, individuato l’appartamento dal quale provenivano le grida, hanno bussato insistentemente alla porta senza avere alcuna risposta, nonostante si sentissero distintamente rumori provenire dall’interno. Nonostante l’insistenza degli agenti, l’uomo non aveva nessuna intenzione di aprire. Dopo una breve trattativa con, i poliziotti lo hanno sollecitato ad aprire per verificare l’assenza di pericolo e lo hanno ad aprire l’uscio.

IL SEQUESTRO – Una volta all’interno, oltre all’uomo, è stata trovata la convivente in preda a una crisi di pianto, che ha subito dichiarato di essere stata sequestrata dal compagno fin dal mattino insieme ai figli minori, il quale dopo averle sottratto le chiavi di casa e dell’autovettura, le aveva impedito con la forza di uscire, di telefonare e di comunicare con l’esterno.

L’ARRESTO – Il quarantenne noto alla polizia per vari precedenti penali a suo carico tra cui stupefacenti, atti persecutori, falso e reati contro la persona si era reso ancora una volta protagonista di maltrattamenti e lesioni nei confronti della compagna, fino al punto di sequestrarla. Dopo aver raccolto i necessari elementi, gli agenti hanno fine alla brutta storia di violenza domestica, traendolo in arresto. Il giudice del tribunale di Velletri, ha convalidato l’arresto e disposto nei confronti del violento la misura dell’allontanamento dall’abitazione.

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SU ALBANO DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”11″]