Valmontone, sottopasso allagato. Salve per miracolo tre ragazze

Una via trasformata in piscina costata ai cittadini 20 milioni. Il sindaco avvia un'indagine sui lavori effettuati

0
298
sottopasso allagato valmontone

E’ una storia che ha dell’incredibile quella capitata a tre ragazze, due di Valmontone e una di Labico, finiti con l’auto impantanata all’interno del sottopasso di via della Pace trasformata in una piscina a cielo aperto. 150 centimetri di acqua, praticamente un lago. Un episodio inaccettabile per il sindaco Alberto latini, che ora chiede chiarimenti sulla via che dal polo turistico integrato conduce sulla via Casilina, verso Colleferro.

IL SINDACO : «INTOLLERABILE» – «Non è tollerabile che, a soli 10 anni dalla sua realizzazione, una strada che dovrebbe essere stata costruita con tecnologie moderne e con grande dispendio di denaro pubblico possa presentare situazioni di una simile pericolosità – dichiara il sindaco di Valmontone, Alberto Latini. Sono sconcertato da quanto accaduto al sottopasso di via della Pace e ho subito dato mandato agli uffici di verificare se quest’opera, costata circa 20 milioni di euro per servire il Polo turistico integrato (Fashion district e parco divertimenti), sia stata fatta a regola d’arte o, invece, quei soldi non siano stati gestiti con leggerezza e superficialità. Come sappiamo l’appalto subì diverse vicende travagliate, di cui ne scontiamo ancora gli effetti, ma non posso accettare che per le negligenze di qualcuno sia messa a rischio l’incolumità dei cittadini. Non intendo in alcun modo – sottolinea il sindaco Latini – lasciare che quanto accaduto possa archiviarsi in fretta soltanto come ‘un brutto episodio’.

SOTTO LA VIA SCORRE UNA FALDA – Quell’opera, in quel tratto, presenta un grave vizio originale visto che il sottopasso è stato realizzato su una falda acquifera che, anche in condizioni di sereno, costringe due pompe ad allontanare di continuo l’acqua che tende a ristagnare. In occasioni di piogge copiose, purtroppo, il fenomeno aumenta a dismisura ed ho incaricato gli uffici di rivedere tutti gli atti, ivi compreso il collaudo eseguito sull’opera. L’altro giorno poteva succedere qualcosa di molto brutto ed è giunto il momento di fare chiarezza, una volta per tutte, e vedere in che modo, a dieci anni da quello scempio, il Comune possa intervenire a tutela del’incolumità dei cittadini e dei soldi della collettività».

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SU VALMONTONE DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”50″]

È SUCCESSO OGGI...

Teneva una serra di marijuana in cantina

I Carabinieri della Stazione di Roma Villa Bonelli hanno arrestato un cittadino romano di 35enne con l’accusa di coltivazione di sostanze stupefacenti. Ieri notte, una pattuglia dei Carabinieri è entrata in uno stabile di via...

Minaccia la madre con un coltello: voleva soldi per comprare droga

Gli agenti del commissariato di Albano sono intervenuti in via delle Cerquete, ad Ariccia, dove un 19enne di Genzano si è reso responsabile del reato di estorsione nei confronti della propria madre. Tossicodipendente, il ragazzo ha...

Cave, carabinieri aggrediti con morsi e graffi: 4 persone arrestate per droga

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Palestrina e della Stazione di Cave hanno arrestato un cittadino italiano e tre cittadini nigeriani - tra cui due donne - per i reati di detenzione...

Tenta di incassare un assegno con documento falso

Gli agenti del commissariato Tor Carbone di Roma, su segnalazione della sala operativa, sono intervenuti presso la sede della filiale dei "Monti dei Paschi di Siena", poiché, all'interno della banca un individuo stava tentando...

Luciano Spalletti non è più l’allenatore della Roma, l’annuncio della società

La notizia era trapelata già diverse settimane fa, ma ora ovviamente è ufficiale. L'As Roma e Luciano Spalletti si separano. «La Società - si legge nella nota della società giallorossa - è attualmente impegnata nella...