Ama Roma, incendio al centro rifiuti di Corviale: scatta la sorveglianza armata

0
183

Resterà chiuso per l’intera giornata di oggi, lunedì 7 ottobre, il centro raccolta rifiuti dell’Ama, completamente bruciato dai vandali nel pomeriggio di domenica, per le operazioni di ripristino. I vandali avrebbero appiccato il fuoco al gabbiotto esterno del centro di via Arturo Martin, andato poi completamente distrutto. Le fiamme si sono propagate successivamente al tendone di copertura della struttura danneggiando la parte che sovrasta il cassone contenente i Raee (rifiuti elettrici ed elettronici) oltre all’impianto elettrico e a quello idraulico. Il pronto intervento dei vigili del fuoco ha evitato che l’incendio potesse estendersi fino a colpire i cassoni con i rifiuti ingombranti. Sulla vicenda stanno indagando le forze dell’ordine.Il nuovo centro Ama di Corviale, inaugurato sotto la giunta Alemanno non è purtroppo nuovo a episodi di microcriminalità: già nel luglio scorso si era verificato un tentativo di furto, probabilmente rame e materiali ferrosi, ma in quel caso i carabinieri della stazione di Villa Bonelli erano riusciti ad intercettare e arrestare il malvivente, recuperando i materiali trafugati. Il tentativo di furto aveva provocato anche danneggiamenti alla struttura, in particolare all’Ufficio accoglienza.A tal proposito il presidente di Ama, Piergiorgio Benvenuti ha annunciato la messa in funzione di un servizio di vigilanza armata, motivando così la scelta: «Per l’ennesima volta dei vandali si sono accaniti contro la struttura di Corviale. Nell’ultimo periodo abbiamo assistito ad una vera e propria escalation. Prima l’intensificazione dei furti, poi, in seguito all’arresto di alcuni nomadi colti in flagrante dalle forze dell’ordine, gli atti vandalici contro la struttura. Ama aveva già avviato, il mese scorso, le procedure per predisporre una vigilanza armata anche notturna in loco. A questo punto si tratta di una misura indifferibile visto l’intensificarsi di episodi del genere, anche se comporta costi aggiuntivi per l’azienda». Un provvedimento che potrebbe risolvere la questione in un’area periferica ormai presa di mira dai ladri.