Metro Roma, proteste ai Fori Imperiali

0
68
Italia Nostra Roma ha inviato al sindaco di Roma, all’assessore Improta, al presidente Massimo Palombi di Roma Metropolitane e al comando dei Vigili Urbani un telegramma, per denunciare e chiedere di fermare i lavori di demolizione in atto a via dei Fori Imperiali di strutture vincolate, in totale assenza di sicurezza del cantiere.L’associazione ha inoltre inviato un telegramma al ministro dei Beni Culturali, Massimo Bray, chiedendo il suo immediato intervento per fermare la demolizione della rampa Clivio Acilio, struttura di Antonio Munoz, e della terrazza Cederna, vincolate dal decreto del 20 dicembre 2001 dall”allora soprintendente regionale Arch. Ruggero Martines, e delle quali non risulta che la Soprintendenza abbia autorizzato la demolizione. Italia Nostra Roma ha anche chiesto al ministro Bray di cancellare la localizzazione della logistica di cantiere (con taglio alberature e rischio compromissione dell”area archeologica sottostante) oggi prevista nel giardino-ninfeo di palazzo Silvestri Rivaldi, vincolato dal Ministero dei Beni Culturali dal 1949″.Italia Nostra Roma ribadisce l’obbligo di una nuova procedura Via per il progetto della metro C, per trovare soluzioni alternative che non compromettano il patrimonio storico, archeologico ed ambientale dell”area archeologica centrale. Tutti i danni che si stanno verificando in questi giorni non erano segnalati ne” previsti nelle documentazioni della Via del progetto preliminare” conclude la nota.