Operai al lavoro, finalmente parte il restauro del Colosseo

0
105
Operai al lavoro, finalmente parte il restauro del Colosseo

Il restauro del Colosseo è partito. Conclusa la fase del montaggio delle impalcature, che ora coprono tutta la superficie fino alle sommità delle arcate interessate dai lavori, i tecnici sono già sui ponteggi per le verifiche necessarie prima di procedere con l’attività di pulitura che partirà a giorni. Si tratta di prove utili a monitorare la reazione dei materiali e a progettare l’attività dei nebulizzatori con cui verranno ammorbiditi e poi rimossi i depositi di smog e polveri dalla facciata dell’Anfiteatro Flavio.

Su richiesta della ditta che ha vinto l’appalto per realizzare il restauro, la società Gherardi, l’Acea ha provveduto ad allacciare al cantiere le utenze necessarie all’avvio del restauro. L’elettricità è arrivata già a fine settembre, mentre mercoledì scorso è stata la volta dell’acqua. In queste ore gli idraulici stanno montando gli impianti per portare le utenze fin sulle sommità del Colosseo, a oltre 50 metri da terra. Sono già al loro posto due ascensori montacarichi, mentre al centro e nella parte bassa delle impalcature sono state montate due file di mantovane, i pannelli metallici di sicurezza destinati a raccogliere qualsiasi frammento o utensile possa cadere dai ponteggi piu’ in alto.

Pronte anche le scale di servizio lungo tutta la lunghezza del monumento per consentire agli operai specializzati di muoversi da un ordine a un altro. Appoggiato ai piedi dei 23 piani di ponteggi, il cartello con le informazioni sul restauro e sulla “sponsorizzazione per il finanziamento del piano di interventi da realizzarsi nell’Anfiteatro Flavio”. Sotto, rigorosamente di pari dimensioni, i loghi Mibac e Tod’s, il marchio di Diego Della Valle che ha finanziato i lavori con 25 milioni di euro.

Il 12 luglio scorso la Gherardi ha preso ufficialmente in consegna il cantiere che comprende le arcate, dalla 43 alla 52, che saranno interessate dal restauro. I lavori andranno avanti fino al 2 marzo 2016 e comprendono gli interventi sulla facciata e la realizzazione delle cancellate del primo ordine. (Fonte Dire)