Rai, Tiberio Timperi dopo la bestemmia rischia grosso

Il Cda dell'azienda avrebbe deciso di affrontare il tema nella prossima seduta e quindi la conclusione finale spetterà a loro

0
474
Tiberio Timperi
Tiberio Timperi

Giancarlo Leone direttore di Raiuno aveva dichiarato al mondo occidentale e su Twitter, con un’inspiegabile per lui determinazione e risolutezza, che: «Deprecabili errori a Uno Mattina in famiglia… dopo le scuse in diretta di Timperi, lunedì ci saranno “le sanzioni”».

LEGGI ANCHE : Tiberio Timperi bestemmia in diretta a Unomattina (VIDEO). Grave gaffe di RaiUno

LA DECISIONE – Come altri milioni di italiani abbiamo atteso la notizia con impazienza, ci sembrava strano che @Giankaleone prendesse una decisione così celermente, senza consultare il bilancino, Michele Guardì, gli astri di Fox; infatti oggi che è mercoledì le agenzie non hanno battuto nessuna novità sul caso Timperi. C’è però un’altra decisiva notizia che circola in Rai. Il Cda dell’azienda avrebbe deciso di affrontare il tema nella prossima seduta e quindi la conclusione finale spetterà a loro. Premesso che Timperi non ha alcuna possibilità di essere discolpato, perché ha commesso un errore madornale: un conduttore, infatti, in un qualsiasi momento del suo lavoro non può non solo dire una bestemmia, ma neanche la può pensare. Quindi sarà giusto rimuoverlo. Anche se ci sono strane teorie che starebbero circolando in queste ore. Si dice che qualcuno vorrebbe far cadere tutta la colpa sul tecnico che ha mandato in onda una registrazione sbagliata e sanzionando Timperi solo con una multa pecuniaria. Fuori onda o in onda, ripetiamo, una bestemmia in uno studio tv non può essere accettata.

LEGGI ANCHE: Tiberio Timperi, dopo la bestemmia ecco le sanzioni

L’ATTESA – L’aspetto grottesco è che la Rai ha uno straordinario ufficio Auditing, una specie di tribunale che lavora a tempo pieno come quello di Piazzale Clodio a Roma, quindi in grado di studiare il caso e decidere sulle sanzioni. Invece si dovrà attendere l’esito del Cda, noi ci domandiamo ancora una volta, ma con tutti i temi che la Rai sta affrontando, possibili licenziamenti, calo della pubblicità, vendita delle sedi regionali, l’accorpamento delle news, le reti che non funzionano, vendita di Rai Way, le nomine, non è curioso che un consiglio di amministrazione debba interessarsi di un caso che si sarebbe potuto facilmente risolvere all’interno dell’azienda? Ma il tema evidentemente interessa. Non ci dimentichiamo che le forze in campo sono sempre importanti, dietro Tiberio ci sono signori che da anni dominano la tv. Quindi dobbiamo ancora una volta aspettarci qualche notizia inimmaginabile che esca con il contributo del bilancino di @Giankaleone?

[form_mailup5q lista=”mobilit√†”]