Rai, sempre meno quote rosa: donne in fuga (o quasi)

Maria Pia Ammirati, Roberta Enni e Rosa Anna Pastore avevano la gestione della rete ammiraglia con la collaborazione di un solo vicedirettore maschio. Ma le cose stanno cambiando

0
378
Rai
rai

Raiuno era un po’ l’orgoglio dell’azienda e di Giancarlo Leone il direttore, su quattro vicedirettori le quote rosa dominavano alla grande, tre signore al comando: Maria Pia Ammirati, Roberta Enni e Rosa Anna Pastore che avevano la gestione della rete ammiraglia con la collaborazione di un solo vicedirettore maschio, il dimagrito Ludovico di Meo, che era un po’ il principe azzurro di Raiuno.

L’EQUILIBRIO – Recentemente l’equilibrio sta cambiando. L’ingegner Pastore ha avuto una felice maternità e avrebbe preso due anni di aspettativa. Maria Pia Ammirati è stata promossa direttore delle Teche, per meriti che hanno compreso solo il dg Gubitosi e il Cda Rai, anche se continua a gestire alcuni programmi di Raiuno, (noi pensiamo che appena la dottoressa Ammirati raggiungerà a tempo pieno la sua nuova direzione, gli ascolti ad esempio de La vita in diretta potrebbero finalmente decollare). Ma una notizia che circola in queste ore darebbe in partenza Roberta Enni (nota soprattutto per il sostegno al programma “Petrolio” di Duilio Giammaria e di “Leader. Femminile Singolare” di Franco di Mare, scomparso misteriosamente dal palinsesto), per diventare direttore del marketing, con il pressante sostegno del leghista Antonio Marano, vicedirettore generale. Ancora una volta si è seguito un’antica regola che esiste fin da tempi remoti, come dicevano i latini: promoveatur ut amoveatur. Non si preoccupi ingegner Enni le diamo subito la traduzione: che sia promossa affinché sia rimossa. Insomma è meglio che diventi direttore così lascia libero il posto. Noi pensiamo che anche per l’Ammirati sia accaduta la stessa cosa. Un bell’esborso di denaro. In altre aziende si troverebbero soluzioni diverse e più drastiche, ma in Rai il posto fisso rimane in eterno, basta vedere @Giankaleone che non vuole andare in pensione.

IL DUBBIO – Ma chi occuperebbe una delle poltrone più importanti della Rai? Un ex giovane rampante, che tra l’altro è assistente del professor Giancarlo Leone all’università Luiss: un certo Andrea Fabiano, vicedirettore Marketing che non sarebbe stato allevato a pane e tv, ma solo a trattar cifre dell’auditel. Quindi ancora una volta verrebbe scelto un burocrate a digiuno di programmi, una decisione sicuramente azzardata. Non si potrebbe selezionare personale più adatto per la parte editoriale? Evidentemente ancora una volta, come accade sempre in Rai, sono altre le implicazioni che sottendono a certe scelte. Un’altra occasione persa? Lo capiremo nei prossimi consigli di amministrazione. Resterebbe comunque il fatto che sarebbero ridotte le quote rosa, un bel danno d’immagine, anche perché in giro si dice che al posto di Maria Pia Ammirati arriverebbe un collega dai Canali Digitali.

[form_mailup5q lista=”maledetta tv”]