Rai, Fabio Fazio e Luciana Littizzetto al decadente ospizio Sanremo

0
161
Rai, Fabio Fazio a rischiatutto

Ascolti del festival sempre più bassi, 8 milioni e 188mila contro gli 11milioni e 538mila del 2013, share 37,97 contro i 48,17. Rispetto allo scorso anno il programma ha perso 3.350.000 ascoltatori e il 10,20% di share. La strada lastricata di flop sta per essere compiuta. Uno dei peggiori Festival di Sanremo stasera finirà e più che il sipario calerà un velo pietoso.

FLOP E DINTORNI – Il re dei floppers Giancarlo Leone sarà sempre giulivo? Si arrampicherà ancora sugli specchi per giustificare che è un gran successo o si dimetterà accettando un ruolo secondario in azienda? O, visto come va il mondo, grazie ai suoi meriti, diventerà il nuovo direttore generale della Rai? E Cheap & Cheap, ovvero Fazio e Littizzetto, continueranno ad avere compensi da nababbi? Mentre Renzi lancia il governo più giovane italiano, Fazio ha trasformato il palco dell’Ariston nella “Casa di riposo San Remo”. Dietro l’equivoco della nostalgia, un sentimento che dovrebbe essere sfumato dalla bellezza del ricordo, il duo Cheap & Cheap ha sbattuto in faccia ai telespettatori della Rai (la maggioranza ultrasessantenni) molte vecchie star della televisione, facendole addirittura esibire, sembrava veramente di essere in uno show improvvisato in un ospizio. Più che suscitare nostalgia è stata fatta opera di riesumazione.

SILVAN – Bastava ieri sera vedere il povero Silvan traballante sulle gambe, incerto, che cercava di proporre un vecchio gioco di prestigio con la pin up del festival, Littizzetto, accanto il nipotino Fazio che fingeva di ridere per far ridere a casa, bisogna riconoscere che come attore è pessimo. Ci domandiamo perché un anziano telespettatore dovrebbe aver piacere nel veder esposta la sua vecchiezza sulle Kessler, Carrà,Valeri, Paoli un confronto che non può che irritare. Più bravo è Carlo Conti che sa ben gestire nei suoi show la nostalgia, facendo interpretare ai giovani il ruolo delle star del passato.

GUADAGNI – Comunque quello che ci tranquillizza è che Fazio non dovrà andare a vivere in un ospizio, avrà case, ville, conti in banca sufficienti per stare alla grande.  Un ragazzo fortunato, abile nel trattare i suoi compensi e soprattutto i suoi contratti, sembra che in quello per il festival non siano previste penali nel caso in cui il programma avesse floppato. In  tutte le aziende televisive del mondo si prevedono delle clausole:  chi sbaglia paga e il compenso è sempre legato all’ascolto, ma il principino Fazio ha dalla sua parte mamma Rai, così non rischia nulla, per questo ha espresso il suo disinteresse per l’Auditel, anche se arrivava allo zero assoluto nessuna riduzione di stipendio. Beato lui, invece sembra che gli sponsor pubblicitari siano assolutamente insoddisfatti e chiederanno i rimborsi per i bassi risultati di audience,e chissà se ancora la Rai potrà dimostrare di essere in pari con il budget, dopo il flop di Sanremo?

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SU MALEDETTA TV DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”5″]