Bufera rifiuti, Raggi vuole prorogare la discarica di Colleferro. Mobilitazione in provincia

0
Bufera rifiuti, Raggi vuole prorogare la discarica di Colleferro. Mobilitazione in provincia

ARTICOLI IN EVIDENZA

“Chiediamo che la discarica di Colleferro venga prorogata per tutto il 2020″. Lo ha detto la sindaca di Roma, Virginia Raggi, arrivando in Consiglio regionale del Lazio per assistere alla seduta dedicata alla situazione dei rifiuti.  Una frase che ha suscitato la mobilitazione di tutto il territorio.

“Roma non puo’ essere oggetto di ricatti politici – ha proseguito la Raggi -. Sappiamo bene che la Regione ha ascoltato il territorio di Colleferro, che conta 20mila abitanti, noi diciamo che Roma ha 3 milioni di abitanti che vogliono essere ascoltati.
Sappiamo che e’ quasi pronto il piano regionale che sara’ approvato nel 2020, chiediamo che la discarica di Colleferro venga prolungata e continueremo a sederci al tavolo per fare un ragionamento di sistema ordinario e pianificato per il 2020″. “Non siamo qui per dire una sequela di no – ha concluso – ma per dire si’ a un piano regionale dei rifiuti ordinato e concordato, un piano che possa prevedere un’azione ordinaria sul territorio della Regione e non continuare con deroghe e provvedimenti straordinari, che non accontenta nessuno. Diciamo a Zingaretti di votare questo piano rifiuti e di concordarlo, basta con decisioni calate dall’alto e con i provvedimenti in deroga”.

“Ancora insiste. Dopo averci provato con me attraverso Ama, ora sta provando con il Consiglio Regionale andando li’, durante la seduta, a chiedere la proroga. Confido nel rispetto che il Consiglio regionale ha del nostro territorio, martoriato da decenni. Cara collega, che bella faccia tosta che hai. Troverai tutta la Valle del Sacco ad aspettare i tuoi camion; suonate pure lo vostre trombe. Noi suoneremo le nostre campane. Sono pronto a salire sul Colosseo o sul tetto del Campidoglio e rimanerci fino a che non finiscono queste dichiarazioni della Raggi”. Cosi’ il sindaco di Colleferro, Pierluigi Sanna, in un post pubblicato stamattina su Facebook in risposta alle dichiarazioni della sindaca di Roma, Virginia Raggi, che ha respinto l’ipotesi di un commissariamento di Roma sui rifiuti chiedendo alla Regione di allungare al 2020 l’operativita’ della discarica di Colleferro.

“La provincia di Roma e il Lazio non sono la pattumiera di Roma. Da Virginia Raggi abbiamo letto parole incredibili stamattina sul tema dei rifiuti”. Cosi’ in un comunicato 34 sindaci dei Comuni della provincia di Roma, di tutti gli schieramenti politici.
“Stando a quanto detto dalla sindaca- continuano- gli impianti della provincia di Roma e del resto del Lazio dovrebbero ricevere i rifiuti di Roma perche’ il primo cittadino della Capitale rifiuta di indicare un sito da adibire a discarica di servizio per la sua citta’. Tutto cio’ e’ inaccettabile ed episodi come quello accaduto a Civitavecchia non sono tollerabili. Chiediamo alla Regione Lazio di farsi carico del problema e di fare quanto e’ in suo potere per evitare questo scempio a danno dei cittadini di Roma e del Lazio”.
I 34 sindaci, di tutti gli schieramenti politici, che hanno sottoscritto la nota sono: Esterino Montino (Fiumicino); Orlando Pocci (Velletri); Nicola Marini (Albano Laziale); Pierluigi Sanna (Colleferro); Fausto Giuliani (Colonna); Maurizio Caliciotti (Lariano); Nicoletta Irato (Mazzano Romano); Sandro Runieri (Rocca Santo Stefano); Antonio Pasquini (Allumiere); Marco Bernardi (Roccagiovine); Fiorenzo De Simone (Vicovaro); Anna Gentili (Rocca Priora); Settimio Liberati (Camerata Nuova);
Milvia Monachesi (Castel Gandolfo); Alessandro Bettarelli (Canale Monterano); Daniela Ballico (Ciampino); Lorenzo Piazzai (Zagarolo); Roberto Di Felice (Ariccia); Claudia Maciucchi (Trevignano); Luigi Galieti (Lanuvio); Patrizia Nicolini (Sacrofano); Ottorino Ferilli (Fiano Romano); Alberto Latini (Valmontone); Pietro Tidei (Santa Marinella); Felicetto Angelini (Artena); Danilo Giovannoli (Labico); Giovanni Pascazi (Moricone); Alberto Bertucci (Nemi); Pietro Colagrossi (Gallicano); Roberto Mastrosanti (Frascati); Luciano Andreotti (Grottaferrata); Alessandro Cefaro (Genazzano); Roberto Barbetti (Capena); Ivan Ferrari (Gavignano).

È SUCCESSO OGGI...