Caso Cucchi, prescrizione per 4 medici del Pertini

0
Caso Cucchi, prescrizione per 4 medici del Pertini

ARTICOLI IN EVIDENZA

Una assoluzione e quattro prescrizioni. E’ questa la sentenza della Corte d’Assise di Appello di Roma per cinque medici dell’ospedale Sandro Pertini di Roma coinvolti nella vicenda di Stefano Cucchi, il giovane morto il 22 ottobre 2009 mentre era sottoposto a custodia cautelare. Ad essere assolta e’ stata il medico internista Stefania Corbi. Si trattava del terzo processo d’Appello, dopo che per due volte la Cassazione aveva annullato con rinvio la sentenza.

Il 31enne geometra Stefano Cucchi, la notte del suo arresto per detenzione di droga (tra il 15 e il 16 ottobre 2009), fu portato nella caserma della stazione Appia, e picchiato con violenza per essersi rifiutato di sottoporsi al fotosegnalamento. A pestarlo, secondo la ricostruzione che il pm Giovanni Musaro’ ha fatto nell’udienza del 3 ottobre scorso davanti alla corte d’assise, furono i carabinieri Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro, bloccati da un terzo collega, Francesco Tedesco. Le lesioni riportate in quel pestaggio (‘in primis’, la frattura della terza vertebra lombare e della quarta vertebra sacrale), “unitamente alla condotta omissiva – cosi’ recita il capo di imputazione – dei sanitari dell’ospedale Sandro Pertini che avevano in cura Cucchi“, determinarono il decesso che avvenne il 22 ottobre del 2009. Da quel momento, secondo la procura, comincio’ tutta un’attivita’ di depistaggio e falsificazione portata avanti dai carabinieri (alle prese in quei giorni con lo scandalo del tentato ricatto ordito da alcuni militari dell’Arma nei confronti dell’allora Governatore del Lazio Piero Marrazzo, sorpreso a casa di un trans) finalizzata a coprire gli autori di quel pestaggio facendo ricadere ogni responsabilita’ su alcuni agenti della polizia penitenziaria che presero in consegna Cucchi in tribunale il giorno dell’udienza di convalida del suo arresto.

I giudici della Corte d’Assise d’Appello della Capitale sono entrati in camera di consiglio per emettere la sentenza nei confronti di cinque medici dell’ospedale Sandro Pertini in relazione alla morte del geometra romano, Stefano Cucchi, arrestato nell’ottobre 2009 dai carabinieri per possesso di droga e deceduto una settimana dopo. La sentenza e’ attesa nel pomeriggio. Nel processo d’Appello Ter sono imputati i medici Aldo Fierro, Stefania Corbi, Flaminia Bruno, Luigi De Marchis Preite e Silvia Di Carlo che si occuparono a vario titolo di Stefano durante il ricovero nel reparto protetto. Il sostituto procuratore generale Mario Remus nell’udienza del 6 maggio scorso ha chiesto il “non doversi procedere per prescrizione”, perche’ il reato di omicidio colposo e’ ormai prescritto.

È SUCCESSO OGGI...

Roma, controlli straordinari della polizia al Tuscolano. I dettagli dell’operazione

0
Servizi straordinari di controllo del territorio finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati al Tuscolano da parte degli agenti della Polizia di Stato del  Commissariato di zona.Durante i servizi, i poliziotti sono...

Lazio, Zingaretti: Cotral azienda sana compra 500 nuovi bus

0
"Io sono molto contento perche' alcuni anni fa non ci credeva nessuno, perche' Cotral era un'azienda veramente in pericolo per i debiti che aveva e per il vecchio parco autobus, ma invece...

CIVITAVECCHIA, CONTROLLI DEI CARABINIERI NEL FINE SETTIMANA. 5 PERSONE NEI GUAI

0
Lo scorso fine settimana, i Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia hanno svolto un servizio coordinato di controllo del territorio predisposto dal Gruppo Carabinieri di Ostia incentrato sul territorio del comune di Civitavecchia...

Drammatico incidente stradale, auto contro palo: muore 20enne vicino Roma. Grave l’amica

0
Incidente stradale mortale la notte scorsa alle 2.30 all'altezza del chilometro 16.300 di via Braccianese Claudia, ad Anguillara Sabazia, dove un'auto è finita contro un albero. A perdere la vita una ragazza di...

Codacons: «A Roma strisce pedonali irregolari, zebre si scoloriscono subito»

0
La vernice utilizzata per la realizzazione delle strisce pedonali sulle strade della capitale non rispetterebbe i parametri di legge e, forse anche per questo, le zebre si scoloriscono velocemente, diventando invisibili e...