Spazio: Nasa scopre ossigeno in atmosfera Marte, mistero su origini

0
Spazio: Nasa scopre ossigeno in atmosfera Marte, mistero su origini

ARTICOLI IN EVIDENZA

C’e’ ossigeno su Marte e si comporta in un modo che gli scienziati non sono ancora in grado di spiegare. La scoperta e’ stata fatta dalla Nasa sopra la superficie del cratere Gale. Per la prima volta nella storia dell’esplorazione dello spazio, gli strumenti del laboratorio marziano Curiosity hanno permesso agli scienziati di misurare i cambiamenti stagionali nei gas che riempiono l’aria direttamente sopra la superficie del cratere Gale su Marte. E’ cosi’ che e’ stato trovato sorprendentemente ossigeno, il gas che molte creature terrestri usano per respirare. “La prima volta che l’abbiamo visto, e’ stato strabiliante”, ammette Sushil Atreya, professore di scienze climatiche e spaziali all’Universita’ del Michigan ad Ann Arbor e una delle autrici dello studio sull’argomento pubblicato sul Journal of Geophysical Research: Planets. In particolare, nel corso di tre anni marziani (quasi sei anni terrestri) lo strumento Sample Analysis at Mars (SAM) situato all’interno del rover Curiosity ha “annusato” l’aria del cratere Gale e ne ha analizzato la composizione. I risultati hanno confermato la composizione dell’atmosfera marziana in superficie: 95 per cento in volume di anidride carbonica (CO2), 2,6 per cento azoto molecolare (N2), 1,9 per cento argon (Ar), 0,16 per cento ossigeno molecolare (O2) e monossido di carbonio (CO) 0,06 per cento.
Hanno anche rivelato che su Marte le molecole si mescolano e circolano nell’aria seguendo le variazioni della pressione durante tutto l’anno.

Questi cambiamenti sono causati dalla CO2: il gas si congela sui poli in inverno, riducendo cosi’ la pressione dell’aria in tutto il pianeta. Quando la CO2 evapora in primavera e in estate e si mescola su Marte, aumenta la pressione dell’aria. All’interno di questo ambiente, gli scienziati hanno scoperto che l’azoto e l’argon seguono un modello stagionale prevedibile, crescendo e diminuendo in concentrazione nel cratere Gale durante tutto l’anno rispetto alla quantita’ di CO2 presente nell’aria. Gli scienziati si aspettavano che l’ossigeno facesse lo stesso. Ma non e’ cosi’.
Invece, la quantita’ di gas nell’aria e’ aumentata di ben il 30 per cento durante la primavera e l’estate, per poi tornare ai livelli previsti dalla chimica nota in autunno. Questo schema si ripeteva ogni primavera, anche se la quantita’ di ossigeno aggiunta all’atmosfera variava, suggerendo che qualcosa lo stava producendo e poi lo stava portando via. Non appena gli scienziati hanno scoperto l’ossigeno, gli esperti di Marte si sono messi al lavoro cercando di spiegarne la presenza. “Stiamo lavorando per spiegarlo”, riferisce Melissa Trainer, scienziata presso il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland, che ha guidato questa ricerca. “Il fatto che il comportamento dell’ossigeno non sia perfettamente ripetibile ogni stagione ci fa pensare che non sia un problema che ha a che fare con la dinamica atmosferica. Deve essere una fonte chimica e un pozzo che non possiamo ancora spiegare”, aggiunge.

Per gli scienziati che studiano Marte, la storia dell’ossigeno e’ curiosamente simile a quella del metano. Il metano e’ presente costantemente nell’aria all’interno del cratere Gale in cosi’ piccole quantita’ (0,00000004 per cento in media) che e’ appena percettibile anche dagli strumenti piu’ sensibili su Marte. Tuttavia, e’ stato misurato da SAM. Dai risultati e’ emerso che mentre il metano sale e scende stagionalmente, aumenta inspiegabilmente di circa il 60 per cento nei mesi estivi. Con le nuove scoperte sull’ossigeno, il team di Trainer si sta chiedendo se quello che guida le variazioni stagionali di metano e’ la stessa cosa che guida le variazioni di ossigeno. Almeno occasionalmente, infatti, i due gas sembrano fluttuare in tandem. “Stiamo iniziando a vedere questa correlazione allettante tra metano e ossigeno per buona parte dell’anno su Marte”, dice Atreya.
“Penso che ci sia qualcosa. Non ho ancora le risposte. Nessuno le ha”, aggiunge. L’ossigeno e il metano possono essere prodotti sia biologicamente (dai microbi, ad esempio) che abioticamente (dalla chimica relativa all’acqua e alle rocce).
Gli scienziati stanno prendendo in considerazione tutte le opzioni, anche se non hanno prove convincenti della presenza di attivita’ biologica su Marte. Curiosity non ha strumenti in grado di dire definitivamente se la fonte del metano o dell’ossigeno su Marte sia biologica o geologica. Gli scienziati si aspettano che le spiegazioni non biologiche siano piu’ probabili e stanno lavorando per comprenderle appieno.

È SUCCESSO OGGI...

Discarica di Roma, domani nuovo “round” in Campidoglio

0
Riparte domani pomeriggio, con l'Assemblea Capitolina convocata dalle ore 15 alle 19, la discussione sull'individuazione dei possibili siti per lo smaltimento dei rifiuti a Roma. Ovvero una nuova discarica e alcuni impianti...

Sanità, a Natale 35 ambulatori aperti, in 10 possibilità di assistenza pediatrica

0
“In occasione delle prossime festività natalizie anche per quest’anno manterremo aperti i 35 Ambulatori di continuità assistenziale di Cure Primarie gestiti dai medici di Medicina Generale, mettendo a disposizione delle famiglie con...

Fiamme a Gallicano vicino Roma, grave un uomo di 58 anni

0
Alle ore 14.15 circa personale di un Comando dei Vigili del fuoco di Roma, è intervenuto per incendio di appartamento in località Gallicano nel Lazio, via Tivoli 141. Estratta dai Vigili del...

Terribile incidente sulla A1, coda di 11 km verso Roma: 4 i feriti

0
11 km di coda ieri sulla A1 provenendo da sud in direzione Roma a causa di un incidente stradale nel tratto tra Ferentino e Anagni, verso la capitale, al chilometro 604 che...

Roma, tentano rapina in un parcheggio del supermarket: ecco come operano 4 uomini

0
Nella serata di ieri, a seguito di segnalazione giunta al Nue 112, i Carabinieri della Stazione di Roma Ponte Milvio hanno arrestato 4 uomini, tutti cittadini romeni senza fissa dimora, di 36,...