Morgan ai Lunatici di Rai Radio2: «La casa? Quello che è successo equivale a uno stupro. Ora vivo circondato di insetti»

0
Morgan ai Lunatici di Rai Radio2: «La casa? Quello che è successo equivale a uno stupro. Ora vivo circondato di insetti»

ARTICOLI IN EVIDENZA

Morgan è intervenuto ai microfoni di Rai Radio2 nel corso del format “I Lunatici”, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, in diretta ogni notte dalla mezzanotte e trenta alle sei del mattino.

Il popolare cantautore ha raccontato: “Il mio rapporto con la notte? La adoro, è il tempo della musica, è come un foglio bianco tra le mani di un poeta. E’ lo spazio ideale per costruire la musica. Che ha bisogno del silenzio e del respiro degli altri. Quando un musicista crea lo fa per gli altri, devono stare tutti tranquilli. Mi capita spesso di scrivere di notte”.

Morgan condurrà su Radio2 il programma Cantautoradio: “La radio per me significa non vedere, ma sentire. Oggi la questione dell’audio contrapposta alla questione del video è importante. L’audio rimane privilegiato, rimane più scientifico. E lavorare nell’audio è più complesso che lavorare nel video. Pensate a quanto è facile fare un fotomontaggio e quanto è complicato invece fare un montaggio audio. La radio è la voce, è per quello che nonostante sia tecnologicamente inferiore rispetto alla televisione è rimasta in auge. Nel mio programma si parlerà di canzoni. L’unica cosa che ci salva, l’unica cosa che abbiamo. Nella prima puntata, sabato 14 settembre, parleremo di De Andrè. In questo format io parlo, spiego, suono, ogni volta prendendo in considerazione un cantautore e andando ad approfondire la sua opera. Sarà un programma con tanti registri di espressione, con molti temi. E’ un po’ un varietà secondo me. Un varietà vintage e tecnologico allo stesso tempo”.

Sul rapporto con i fans: “Una volta sola non sono stato riconosciuto, in aeroporto, perché mi ero travestito da Venditti. Mi ero messo i rayban, il panama, poi ci vogliono i capelli leggermente fuori dal cappello e l’impermeabile con jeans e mocassini. E’ l’unico modo per non farsi sgamare. Vogliono tutti una fotografia, ti chiamano dall’altra parte della strada, rischiano di essere investiti. C’è l’esigenza primaria della foto. Su questo voglio aprire un dibattito: è grave questa cosa, per due motivi. Non solo perché mi rompo pesantemente i coglioni, ma perché innanzitutto non voglio essere localizzato sempre e invece appena ti fanno la foto poi la postano. L’irrintracciabilità è un diritto che io voglio avere. La seconda cosa, ancora più importante, è che io lavoro con l’immagine. E’ il mio bene, è la cosa su cui firmo i contratti. Mi pagano, il mio lavoro consiste in questo. La Siae dovrebbe far valere il diritto all’immagine che è un nostro bene. Tu puoi farmi una foto, ma non la dovresti pubblicare. La gente non si rende conto che questo per me è un lavoro. Stiamo esagerando. Se lo dici si fanno una risata. Io vi dico che se avessi avuto un centesimo da tutte le foto che ho fatto negli ultimi tre anni non solo non sarei stato sfrattato ma avrei comperato la Sony”.

Sulla casa da cui è stato sfrattato: “C’è un giudice che è il paladino degli sfratti. Peggio del giudice della canzone di De Andrè, che diventa giudice solo per poter mandare al patibolo la gente. I giudici dovrebbero giudicare, lo dice la parola stessa. Prendi una questione, ne valuti gli aspetti, pesi e capisci cosa pesa di più. Non fai a priori tutto. Il giudice che ho incontrato io non è un giudice, è uno che non si sa perché è lì, è uno sbruffone. Dovrebbe sfruttare l’occasione per fare veramente il suo lavoro e pensare, ma evidentemente non ce la fa. Ora manderà tutto al macero. Sto molto male, non sono più lo stesso. Uno non ci pensa, ma quello che mi è successo equivale a uno stupro. E’ identico. La casa è importante, è la più importante cosa che hai. Quando non sai ripararti dal freddo fai a casa e sopravvivi. Questo vale per tutti. Per una persona come me, che fa di quello che ha attorno un oggetto d’arte, lo è ancora di più. La mia casa era un’installazione. La mia casa è stata svenduta a 200.000 euro quando ha come valore di mercato 700.000 euro. E’ stata comprata da un maniaco che ha voluto la mia casa perché è un mitomane. Mi hanno portato fuori dalla mia casa con le armi. Io piango, ho tutto lì, tutti i miei progetti. Io stavo sempre in casa a studiare, non sono uno come J Ax o Fedez. Ora sono in uno sgabuzzino a china town a Milano con un sacco di insetti. Non sto più lavorando, prima facevo un sacco di cose, ora non faccio più niente”.

È SUCCESSO OGGI...

Denunce e locali chiusi: blitz “anti-covid” all’Eur

0
2 i locali chiusi per il mancato rispetto della normativa anti- Covid e 3 le persone  denunciate nel quartiere dell’ Eur ,nel corso dei controlli messi in campo dagli agenti del commissariato...

Roma: arrestato “regista”,abusi 8 aspiranti attrici

0
I carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Parioli hanno arrestato, su disposizione del gip di Roma, un uomo di circa 40 anni, ritenuto responsabile di diversi episodi di violenza sessuale in...
ticket sanità

Coronavirus, nel Lazio 36 nuovi contagi. 22 sono di importazione

0
Oggi registriamo 36 casi e un decesso. Di questi 22 casi sono di importazione o di riguardano giovani di rientro dalle vacanze: quattro i casi di rientro da Malta, tre casi da...

Deteneva oltre 10.000 immagini pedopornografiche: preso a Roma

0
Il Compartimento Polizia Postale di Roma, in esecuzione di provvedimento della Procura Capitolina, ha arrestato M.R., cittadino romano di 44 anni, per detenzione di ingente quantitativo di materiale pedopornografico. L’attività investigativa era partita...

Roma, bloccati dalla Polizia dopo aver tentato il furto dentro un’autovettura

0
Hanno raccolto a terra due bottiglie di birra e si sono scagliati contro gli agenti della Sezione Volanti, diretta da Giuseppe Sangiovanni, intervenuti a Piazza delle Camelie  a seguito della segnalazione di...