Una maratona di ottimo teatro: Napoli 20 giugno Angels in America

0
408

Una vera e propria maratona in due tempi quella che ci aspettava al teatro Politeama di Napoli per il Napoli teatro Festival.

Il pezzo di Tony Kushner, autore ebreo, Angels in America: A Gay Fantasia on National Themes, pluripremiata in tutti gli Stati Uniti d’America, e che gli è valsa anche un Premio Pulitzer nel 1993, è tornata nella scrittura di Ferdinando Bruni ed Elio De Capitani. Inutile dire che i due registi non ci hanno mai deluso, ma questa volta la quantità di temi, la trasposizione scenica e la durata hanno superato le nostre aspettative. Una maratona per noi e per gli attori perché il pezzo è stato diviso in due parti Si avvicina il Millennio ((durata 3h e 40’) e Perestroika (durata 2h 55’) con un intervallo di 1 ora durante il quale è stato offerto un buffet.

Il pezzo è stato portato alla tv anche per una miniserie ed inizia nel 1985 con un funerale ebreo della nonna di uno dei protagonisti, Luis Ironson (Marco de Gaudio), ebreo scettico ed è dominato dal tema dell’AIDS che colpisce Prior il protagonista, un arredatore fallito scelto come Il Profeta: nell’ultima scena della prima parte un angelo (Sara Borsarelli) sfonda una parete e appare a Prior, solo e malato e gli annuncia che e stato scelto come profeta per un mondo che sta andando a catafascio..

Anche Roy   M.   Cohn   (Elio   De   Capitani),   avvocato   e   potente   faccendiere   repubblicano ultraconservatore, viene colpito dalla malattia e finisce in ospedale portandosi dietro la sua prosopopea e i suoi atteggiamenti da boss super impegnato. II suo personaggio e   basato   sulla   biografia   del   defunto   consigliere   del   senatore   Joseph McCarthy, famoso per avere ottenuto negli anni Cinquanta la condanna a morte di Julius ed Ethel Rosenberg per reato di spionaggio, nonostante un’ondata di proteste si fosse levata in loro difesa da tutto ii mondo. L’avvocato viene radiato dall’ordine e riceve in ospedale prima di morire la visita di Ethel Rosenberg (Cristina Crippa) che non riesce a perdonarlo ma che, quando lo vede disperato, lo consola con una ninna nanna yiddish. Tema che viene ripreso alla sua morte quando a Luis, ex compagno di Prior viene chiesto di recitare il Kaddish, cosa che riesce a fare solo perché Ethel glielo detta.

Roy, sapendo già di essere ammalato, non si ferma nella sua sete di potere, e  propone al capo cancelliere Joe Pitt (Giusto Cucchiarini) un posto a Washington nell’amministrazione del Governo federale, in modo da potere avere un fedelissimo all’interno. . Joe è mormone praticante e devoto, una velata, sposato con Harper (Giulia Viana), sofferente di varie fobie e dipendente da Valium, che trascorre le giornate tra sogni e allucinazioni. Tra i suoi compagni immaginari   si   materializzano   Mr.   Bugia,   agente   di   viaggio   e, -per   una   misteriosa coincidenza, Prior Walter.

Nei bagni della Corte d’Appello Luis incontra casualmente Louis e tra i due nasce una relazione. Hannah Pitt (Ida Marinelli), madre di Joe, a cui il figlio fa coming out si trasferisce da Salt Lake City a New York per stare vicino al figlio e alla nuora in crisi e trova lavoro come volontaria al centro dei mormoni dove incontra Prior che si sente male. Lo porta all’ospedale e resta con lui. Durante la notte lei e Prior hanno la visione di un angelo terrificante che indica al giovane una scala verso il cielo e fa capire alla donna la situazione del figlio. Prior non accetta di restare in cielo perché dovrebbe accettare di non ribellarsi più e di scegliere la morte, e torna tra i vivi con la sua malattia che, anche se sembra senza speranza, almeno uno spiraglio di vita futura gliela dà. La speranza e la comunità tra le persone è il tema più forte che lo salverà perché

Belize (Alessandro Lussiana), ex travestito ed ex amante di Prior, che è l’infermiere che in ospedale si prende cura sia di Prior che di Roy, fa da tramite tra i due cercando di salvare il suo amico a spese del faccendiere.

La seconda parte inizia con l’inno russo e l’introduzione del tema della Perestroika e il balletto tra i protagonisti si fa più intenso coinvolgendo le coppie nuove e vecchie insieme in scena intervallate da scene dall’ospedale. La rappresentazione si è aperta con un funerale ebraico della nonna di Luiss, passa attraverso vari personaggi che interpretano le contraddizioni dell’America, i Mormoni, i gay, i faccendieri, l’orgoglio americano che non riesce ad accettare la malattia (il primo gay pride è del 1989). De Capitani, in un’interpretazione formidabile, premiata con un Ubu, è Roy Cohn. “Personaggio reale, ma sembra scritto apposta per incarnare il volto feroce e subdolo della destra americana — racconta — Cohn è omosessuale però omofobo; repubblicano ma iscritto tra i democratici; ebreo e un po’ antisemita”. I dialoghi frizzanti e spesso comici, la scena mobile che fa da contorno alla rappresentazione con luci, musiche mai banali, i video di Francesco Frongia che spostano la scena nello spazio fanno attraggono o spettatore e lo coinvolgono emozionalmente. Gli attori sono bravissimi. Applausi dal pubblico purtroppo scarso.

Anna Maria Felici

È SUCCESSO OGGI...

Tor Bella Monaca e Tor Vergata, controlli no stop dei carabinieri: 11 arresti

Prosegue l’attività di prevenzione e controllo svolta dai Carabinieri della Compagnia di Frascati nei quartieri di Tor Vergata e Tor Bella Monaca, scattata nel pomeriggio di ieri e che si è protratta fino a...

Spaccio di coca, ex di Temptation Island in manette a Roma

Lo hanno trovato con circa 20 grammi di cocaina, suddivisa in dosi e pronta per essere spacciata. Per questo gli agenti della Squadra Mobile di Roma hanno arrestato Alessio Bruno, 31enne romano, divenuto volto...

Caso Sep, i comitati rispondono alla amministratrice dell’impianto: “E’ anche nel Cda di Lazio...

Riceviamo e pubblichiamo di seguito  il comunicato da parte dei seguenti comitati: - comitato Mazzocchio di Pontinia - Comitato il fontanile di Sonnino Scalo - Comitato pontino salute ed ambiente di Pontinia - Comitato boschetto Gricilli di priverno che...

Accoltella un passante e scappa: shock a Fiumicino

Sembrava essere un normale, caldo, primo pomeriggio di luglio quando un 20nne romano, con precedenti, ha estratto un coltello, nella centrale via delle Ombrine di Fiumicino e, al culmine di una lite scaturita per banali motivi, ha colpito...