Aumentano le richieste di prestito per consolidamento debiti: +3,6% nel 2018

0
1033

egnali positivi nel 2018 per il settore dei prestiti, dato che in tutta Italia le richieste sono cresciute dell’8% rispetto all’anno precedente. Nel dettaglio, risultati particolarmente positivi si sono riscontrati per quanto riguarda le domande di consolidamento dei debiti, che sono cresciute del 3,6%, mentre sale dell’1,6% il numero di prestiti legati all’acquisto di beni d’arredo, seguiti dal settore salute, con un +1,3% di incremento per pagare le spese mediche. A sorpresa, sembrano invece essere calate le richieste per migliorie e ristrutturazioni per la propria abitazione.

I dati nel dettaglio

Le stime arrivano dall’Osservatorio congiunto di Facile.it e Prestiti.it che evidenziano, come si è accennato, un significativo aumento delle richieste di prestiti personali finalizzati al consolidamento dei debiti, acquisto mobili e spese mediche, con un deciso calo invece delle richieste di finanziamenti per la ristrutturazione casa. Le domande di finanziamento sono infatti aumentate dell’8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, con scelte che hanno portato anche a modificare i piani di ammortamento cresciuti in media dalle classiche 60 rate a 62, al fine di diluire maggiormente i pagamenti.

Insieme ai piani di ammortamento, cambiano anche le destinazioni delle somme richieste: se vengono infatti privilegiati gli acquisti di auto per il 22%, scendono invece quelle destinate alle abitazioni, con un decremento del 4,3%. Intanto crescono in maniera notevole, come abbiamo visto, le richieste di consolidamento dei debiti: ben 3,6 punti percentuali rispetto al 2017. Ed è proprio Andrea Bordigone di Facile.it a far notare come gli italiani nei confronti dei soldi stiano assumendo un comportamento più responsabile, dato anche dalla consapevolezza che per una gestione corretta e oculata dei debiti è necessaria un’amministrazione più razionale e controllabile, chiedendo ad esempio proprio un prestito per consolidamento dei debiti.

Cos’è un prestito per consolidamento debiti?

Le necessità imprevedibili e risolvibili con dei finanziamenti da rimborsare a rate, portano spesso a una confusione creata dall’accavallarsi di debiti contratti con varie banche e istituzioni, insieme al rischio di saltare una rata per dimenticanza o per una momentanea mancanza di liquidi. La soluzione, per evitare questi inconvenienti, spesso è vista proprio nella possibilità di riunire in un unico prestito tutti i finanziamenti contratti nel tempo, in modo da trovarsi a gestire una sola trattenuta che abbia un importo fisso e ben chiaro. Questo sistema si chiama chiedere un “prestito per consolidamento dei debiti” e consiste nel richiedere una nuova somma complessiva, che saldi tutte le pendenze in essere e dia la possibilità di concordare una rata nuova, con interessi più attuali e un piano di rientro meno gravoso. Si tratta di una possibilità che adesso, oltre che alle banche, può essere richiesta attraverso portali che si occupano di prestiti tra privati come Younited Credit, che ora offre anche l’opportunità di ottenere il consolidamento dei propri debiti senza intermediari bancari.

Ovviamente usufruire di questo servizio non è possibile a tutti, in quanto qualsiasi istituto di credito vorrà innanzi tutto vagliare la solidità finanziaria del richiedente. In particolare, le variabili che determinano la concessione o meno del finanziamento sono in genere le politiche di rischio dell’istituto, il livello di reddito e l’affidabilità creditizia del richiedente, che in genere dipende a sua volta dal tipo di contratto di lavoro, l’anzianità lavorativa e l’assenza di segnalazioni come cattivo pagatore.

Ovviamente, prima di aderire a qualsiasi offerta, bisogna capire se ci sono costi in più da affrontare e quali, in modo che la eventuale differenza non sia onerosa, e possa essere contraccambiata da un alleggerimento della rata.