Ostia: infiltrazioni, muffa e rischio amianto. Il dramma di un’invalida

Residente dal 1993 in un appartamento di 69 mq in via della Martinica, è costretta a vivere tra cattivi odori e sostanze non identificate. Purtroppo è una situazione che vivono anche altri residenti

1
1001
ater-ostia-case-popolari-muffa-invalida

Il bilancio delle case popolari situate in zona Ostia Ponente è davvero preoccupante tra disagi, denunce e poca manutenzione.

I FABBRICATI – I fabbricati sono 173 solo tra via D. Baffigo e via della Corazzata, ma il numero aumenta pensando anche a quei siti nell’entroterra del Municipio X. Fuoriuscite di liquami e cornicioni che cadono sono solo la punta dell’iceberg.

LA DENUNCIA – I residenti che hanno problemi e continuamente cercano risposte sono molti. Un esempio lo abbiamo da parte di una signora invalida che abita in queste palazzine sotto l’indirizzo unico di via della Martinica anche se in realtà si trovano di fronte via della Tortuga.
La signora in questione è residente dal 1993 in un appartamento di 69 mq e sono 9 mesi che ha infiltrazioni d’acqua dalla terrazza condominiale e a tutt’oggi, nonostante le richieste inoltrate e l’apertura di due pratiche da parte dell’Ater, non ha ricevuto nessuna risposta. Quindi da sola ha dovuto provvedere alle spese di tinteggiatura e ripristino delle pareti invase da muffe e funghi dannosi per la salute con una spesa di oltre 500,00 euro gravando sensibilmente sulle sue possibilità economiche, poiché percepisce solo 289 euro al mese di assegno di invalidità.

RISCHIO PER LA SALUTE – Dai discendenti, otturatesi negli ultimi anni a causa della ripavimentazione della terrazza, esce una sostanza bianca che non si riesce a sciogliere/eliminare con i classici solventi e nessuno è venuto ad analizzare, nonostante le richieste. Poiché la palazzina è stata costruita negli anni ’70 si teme che possa essere amianto. Forse timori fondati dato che, ad esempio, in un altro appartamento ci sono due bambini di 6 e 2 anni perennemente ammalati. Appartamento completamente con i soffitti e le mura bagnate ed ammuffite e adiacente sempre al discendente da cui fuoriesce quella strana sostanza. A tutto ciò si unisce un quesito mai chiarito: perché nel 2009 furono fatti dei lavori di ripavimentazione delle terrazze della palazzina dato che non avevano problemi? Bisognava coprire qualcosa?

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SU OSTIA DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”26″]

1 COMMENTO

Comments are closed.

È SUCCESSO OGGI...

Blitz antidroga nella capitale: 5 persone finiscono in manette

I Carabinieri della Compagnia Roma piazza Dante hanno effettuato una serie di servizi preventivi finalizzati al contrasto dello spaccio di droga nella zona dell’Esquilino. Il bilancio è di 5 persone arrestate. I primi a finire in...

Piantagione di marijuana e “camera stupefacente”, droga tra Tivoli e Guidonia: 2 persone nei...

I Carabinieri della Compagnia di Tivoli hanno arrestato un 47enne di Guidonia e denunciato a piede libero un 20enne romeno residente a Marcellina, entrambi con l’accusa di coltivazione e detenzione ai fini di spaccio...

Roma, controllo di locali pubblici da parte della Polizia. Sanzionati i titolari di un...

Durante un’ attività finalizzata al contrasto di illegalità in genere, coordinata dal Dirigente del Commissariato Colombo, Isea Ambroselli, in collaborazione con il Reparto Prevenzione Crimine di Roma e l’Ufficio ASL del SIAN (Servizio Igiene...